DB Schenker potrebbe riannodare il filo che si era spezzato con Volta Trucks, dopo l’ordine di 1.500 camion elettrici Volta Zero che risale al 2021, prima delle note vicissitudini che hanno interessato il costruttore, allora svedese, di truck elettrici, recentemente tornato agli onori delle cronache dopo la notizia del riavvio delle attività. Il famigerato ordine aveva fatto molto scalpore sia per la quantità di veicoli interessati, sia per il nome dell’azienda.

Le dichiarazioni di DB Schenker sulla collaborazione con Volta

La definizione del pre-ordine, naturalmente, era stata seguita dai consueti test su strada, che erano stati giudicati come molto positivi da DB Schenker. Dall’azienda tedesca, infatti, dopo la pubblicazione della prima versione di questo post, un portavoce ci fa sapere che “Volta fa parte del percorso di innovazione e sviluppo di DB Schenker dal 2021. Nel 2023 abbiamo condotto diversi test pilota in tutta Europa. I risultati sono stati molto promettenti e continuiamo a considerare il Volta Zero come un potenziale game changer per le consegne dell’ultimo miglio. Oltre alla trazione completamente elettrica che riduce a zero le emissioni locali, il camion aumenta la sicurezza per i conducenti e per gli altri utenti della strada e i pedoni grazie alla posizione di guida centrale con un’altezza del sedile molto più bassa rispetto a un camion convenzionale e un campo di visibilità panoramico“.

“Dopo aver presentato istanza di fallimento nell’ottobre 2023, la direzione di Volta, insieme all’amministratore, è riuscita a trovare un acquirente per l’attività di Volta Trucks: Luxor Capital, un gruppo di investimento con sede negli Stati Uniti. Secondo la direzione, Volta e Luxor sono attualmente impegnati in un processo di ristrutturazione dell’azienda e mirano a riavviare la produzione di serie nella seconda metà del 2024. DB Schenker è impegnata in un intenso scambio con Volta e Luxor per riprendere i test di pre-serie e imbarcare i primi veicoli di serie il prima possibile”.

Dunque, nessuna conferma circa l’ordine di 1.500 veicoli effettuato poco meno di tre anni fa, ma una concreta manifestazione d’interesse nei confronti del costruttore, e soprattutto del veicolo. Quella che un tempo si chiamava Volta Trucks e che oggi formalmente è rinata col nome di Volta Commercial Vehicles riprenderà presto la produzione del Volta Zero, il camion elettrico da 16 ton di nuova concezione, presso lo stabilimento produttivo di Steyr, in Austria, appartenente a Steyr Automotive.

Volta continuerà a collaborare con Proterra

Le batterie installate sul Volta Zero dovrebbero provenire ancora da Proterra, i cui problemi erano stati all’origine del fallimento del progetto originario di Volta Trucks. Nel frattempo, il produttore americano di batterie è stato rilevato dal gruppo Volvo.

In primo piano

Articoli correlati

Volvo amplia l’offerta di camion alimentabili a biodiesel

Il B100 è ora disponibile per un'ampia selezione di motori nei modelli Volvo FL, FE, FM, FMX, FH e FH16. L'attuale gamma di camion Volvo per impieghi medi e pesanti viene oggi offerta con motorizzazioni alimentate a diesel, biodiesel, HVO, CNG (gas naturale compresso), LNG (gas naturale liquefatto),...