stv

Nemmeno il tempo di cambiare livrea ai propri mezzi che arriva un’altra importante novità. O meglio venti. Sì, perché la flotta di Arcese, reduce da un recente cambio di look, si amplia. Lo fa con la consegna di venti motrici stradali IVECO S-Way NP a LNG. Consegna effettuata in occasione della visita di Thomas Hilse, Brand President IVECO, presso la nuova sede del gruppo a Basiano, nel milanese.

Si tratta di un ulteriore passo in avanti della partnership sostenibile stretta tra IVECO e lo storico operatore logistico trentino. Il tutto, in un’ottica di riduzione delle emissioni e della rumorosità, per una gestione efficiente e sempre più “green” del trasporto.

IVECO S-Way

IVECO S-Way LNG, altri 20 tasselli del mosaico green di Arcese

Hilse è stato accolto nel nuovo polo logistico da Matteo Arcese, Executive President del Gruppo Arcese. Presenti, oltre alle più alte cariche di entrambe le aziende, anche:

  • Emanuele Arcese, Road Freight FTL Director
  • Carlo La Corte, Technical Director del Gruppo Arcese
  • Mihai Daderlat, Italy Market Business Director di IVECO.

I venti IVECO S-Way oggetto della fornitura sono equipaggiati con motori Cursor 13 da 460 CV, cambio Hi Tronix a 12 marce con GPS predittivo e due serbatoi LNG da 440 lt posti ai lati del veicolo. Sono inoltre dotati di un sistema di guida predittiva e di una tecnologia progettata per determinare una significativa riduzione dei consumi e dell’azione inquinante, con un 90% in meno di NO2, il 95% in meno di polveri sottili.

«IVECO, che ha condiviso con Arcese gran parte del suo cammino in un rapporto di reciproco scambio e di fiduciosa collaborazione – ha commentato Hilse – è onorata di poter contribuire allo sviluppo della sua flotta aziendale in direzione sostenibile attraverso un prodotto all’avanguardia, a bordo del quale tecnologia, prestazioni e sostenibilità lavorano in sinergia nel pieno rispetto dell’ambiente».

IVECO S-Way

IVECO S-Way NP, una riduzione significativa delle emissioni

Già predisposti per l’utilizzo con il bio-metano, il carburante ricavato da fonti rinnovabili che permette di realizzare una piena economia circolare (con il 95% in meno di CO2 rispetto alle equivalenti versioni diesel). Gli IVECO S-Way scelti dall’azienda portano in dotazione una serie di funzionalità che li rendono adatti al trasporto connesso, con un alto valore di efficienza e un TCO (costo totale di esercizio) competitivo. Frutto della leadership di IVECO nel settore delle trazioni alternative.

Un pacchetto tecnologico di tutto punto. E all’occorrenza silenzioso

Tra le varie tecnologie presenti che contribuiscono attivamente al minor impatto ambientale del veicoli, troviamo la Connectivity Box, che permette di pianificare al meglio gli interventi di manutenzione e riparativi, evitando i fermi macchina imprevisti attraverso il contatto diretto con gli specialisti della Control Room IVECO, che monitora costantemente il veicolo. Inoltre, l’Ecofleet e i sistemi di Driving Style Evaluation (DSE) e Driver attention support (DAS).

Presente anche la Silent mode, con la quale è possibile ridurre la rumorosità del motore fino a 71 dB(A): una caratteristica che, di fatto, aprirà le porte agli IVECO S-Way NP di Arcese ai transiti notturne in zone urbane. Il tutto con un’autonomia dichiarata, nella versione dotata di serbatoi da 540 lt, fino a 1600 km per le lunghe percorrenze internazionali.

«Da sempre poniamo una particolare attenzione alla sostenibilità – ha infine sottolineato Matteo Arcese – La riduzione delle emissioni legate all’esercizio delle nostre attività è un obiettivo che sempre più condividiamo con i nostri clienti, e l’aggiornamento costante della flotta e i nuovi investimenti in mezzi alimentati con carburanti alternativi sono solo un esempio delle iniziative che mettiamo in atto in questa direzione».

IVECO S-Way

In primo piano

Articoli correlati