Il prossimo anno saranno dieci. Dieci anni da quel 2013 quando, si era nella stagione in cui la primavera al termine del suo tempo già lascia intuire il caldo abbraccio dell’estate, Renault Trucks ha voltato pagina. E per quanto prevedibile e annunciato fosse quel passaggio, lo ha fatto in modo netto, deciso. Senza tentennamenti. Non era facile, soprattutto non era scontato. Chiudere la lunga e fortunata stagione dell’originalissimo Magnum, un veicolo unico per impostazione, stile, caratteristiche e appeal. E al tempo stesso salutare anche quell’altro best seller di nome Premium. O ancora, mettere la parola fine al cucciolo della famiglia, il Midlum.

Renault Trucks, la storia recente dei veicoli pesanti con la Losanga

L’era dell’Euro 6 busssava alle porte. Avrebbe infatti annunciato la definitiva presa di potere di lì a qualche mese, dal 1° gennaio 2014. Mentre i competitor già da tempo avevano svelato le proprie carte. Mancava soltanto la Losanga. Con l’avvicinarsi di quella data c’era crescente curiosità attorno al nuovo pesante che in qualità di successore avrebbe raccolto l’eredità di quell’autentica icona che è stato (ed è) il Magnum, un modello entrato di diritto nella storia, di Renault Trucks e del camion. Non era facile, raccogliere quel testimone. Voltare pagina senza rinnegare la tradizione, anzi, facendo tesoro di essa e affermando al tempo stesso la forza derivante dall’appartenenza al gruppo Volvo, con tutto ciò che questo significava in termini di know-how tecnologico.

Renault Trucks archivia la stagione dei Magnum, dei Premium e dei Midlum, identificando la nuova gamma semplicemente con una lettera dell’alfabeto. Che Vado e Torno presenta al lancio sul n. 7-8/2013.

Ebbene, Renault Trucks è andata oltre, identificando il cambiamento anche con la nuova denominazione dei suoi modelli. Di cui la Serie T, la gamma dei pesanti stradali, ha rappresentato, come diversamente non avrebbe potuto essere, la punta di diamante. Soprattutto, la Serie T ha fatto valere fin da subito, e in maniera marcata nel tempo attraverso l’evoluzione del modello, doti e qualità in termini di efficienza e rendimento, sicurezza e comfort, ma più in generale potremmo dire di concretezza, come solo ai talenti di razza cristallina riesce. Guadagnandosi, come il Magnum, un posto nella storia.

In primo piano

Articoli correlati

Volvo FH16: con il nuovo motore D17, è più potente e consuma di meno

I test su strada confermano che il nuovo motore dell’FH16 consente di ottenere un risparmio di carburante del 5% e minori emissioni, aggiungendo al contempo il 7% in più di coppia: una combinazione che aumenta l’efficienza e la produttività per le attività di trasporto più impegnative.

FCA consegna 52 nuovi Volvo FH al Gruppo D’Innocenti

Il Gruppo D’Innocenti ha acquistato da FCA, storica concessionaria Volvo Trucks di Roma, 52 nuovi veicoli da impiegare per le consegne espresse a medio e lungo raggio in Italia e in Europa. Sono tutti trattori FH 4x2, montano un motore D13 da 420 cavalli con tecnologia turbocompound.