L’atteso momento è arrivato. L’eEconic ha fatto il suo debutto in società – pardon, in fiera – alla rassegna tedesca dedicata alle tecnologie green e legate al trattamento delle acque e all’ambiente. A Monaco, dunque, l’eEconic si è svelato, rispettando la tabella di marcia fissata lo scorso anno in occasione della presentazione, del lancio e dell’immissione sul mercato del primo elettrico targato Mercedes-Benz Trucks, vale a dire l’eActros. E proprio con il truck da distribuzione, l’eEconic condivide filosofia progettuale e layout del powertrain. Con la sola, importante differenza dell’unica opzione disponibile con 3 pacchi batterie da 112 kWh ciascuno di capacità installata (circa 97 kWh di capacità utile), contrariamente all’eActros che prevede anche l’opzione con 4 pacchi batterie.

Mercedes eEconic: la fase di test si è chiusa con successo

Già, perché le caratteristiche dell’eEconic – pensato espressamente per la raccolta rifiuti e dunque per operare lungo un percorso predefinito e ricaricarsi in deposito la notte – più che un’autonomia esagerata richiedono forse un’ottimizzazione estrema dell’efficienza del veicolo. E, a sentire Ralf Forcher, Responsabile Mercedes-Benz Special Trucks, i test condotti finora con i clienti (nello specifico, la società che gestisce la raccolta rifiuti a Francoforte) hanno dato indicazioni confortanti e l’interesse nei confronti del veicolo è elevato.

mercedes eeconic

“Abbiamo lavorato molto sulla posizione dell’autista, che ora ha una migliore visibilità sulla strada, e sul’ottimizzazione della cabina, con l’eliminazione del tunnel motore e una migliore ergonomia”, ha detto Forcher durante la presentazione a cui abbiamo assistito a Monaco. “La produzione di serie dell’eEconic inizierà a Wörth entro la fine di quest’anno e saremo in grado di consegnare i primi veicoli già nel 2022. Per quanto riguarda il TCO – ha aggiunto – ancora non si può dire che l’opzione elettrica sia conveniente rispetto al diesel, ma siamo convinti che lo sarà già entro i prossimi tre anni: noi di Mercedes-Benz Trucks vediamo la transizione come un viaggio da fare insieme ai nostri clienti”.

Pacchi batterie e caratteristiche della catena cinematica

Dunque, l’eEconic che arriverà anche in Italia avrà una capacità utile di circa 300 kWh nei tre pacchi batterie con celle NMC (Nickel Manganese Cobalto). L’autonomia è stata calcolata in circa 100 chilometri con una ricarica, da ricalcolare se il veicolo viene guidato facendo attenzione ai consumi e al recupero dell’energia in frenata. Il truck può essere ricaricato fino a un massimo di 160 kW: presso una normale stazione di ricarica rapida DC con corrente di ricarica a 400 A, i tre pacchetti batteria dell’eEconic impiegano poco più di un’ora per essere ricaricati dal 20 all’80%. Proprio come sull’eActros, l’eEconic si affida all’ePowertrain, la catena cinematica elettrica che consiste in un assale rigido elettrico con due motori elettrici integrati e un cambio a due velocità. I due motori raffreddati a liquido generano una potenza continua di 330 kW ed una potenza di punta di 400 kW.

mercedes eeconic

E a proposito d’Italia, Domenico Andreoli, Head of PR & Marketing Mercedes-Benz Trucks Italia, conferma l’intenzione di avere il nuovo truck elettrico per la raccolta rifiuti in mostra a Ecomondo, fiera molto simile a IFAT in programma a Rimini dall’8 all’11 novembre di quest’anno.

Dotazioni di sicurezza e allestimenti

Tornando alle caratteristiche peculiari dell’eEconic, anche rispetto alla versione del truck con motore termico già ben radicata sul mercato, il parabrezza Thermocontrol, rivestito e riscaldato, evita che il cristallo si appanni a causa delle condizioni atmosferiche, in modo tale che la visuale sulla circolazione stradale rimanga sempre libera e trasparente. Il parabrezza, inoltre, riduce il surriscaldamento dell’abitacolo causato dall’irraggiamento solare. Per quanto riguarda le dotazioni di sicurezza, l’eEconic viene fornito di serie con sistema di assistenza alle svolte S1R, per una maggiore sicurezza durante la svolta a destra, ed Active Brake Assist di quinta generazione con rilevamento pedoni. Inoltre, in conformità con le disposizioni di legge, la dotazione di serie comprende anche il sistema acustico esterno denominato Acoustic Vehicle Alerting System, per una migliore percezione acustica del veicolo da parte di pedoni o ciclisti.

La versione ammirata all’IFAT aveva un allestimento per la raccolta rifiuti di Zöller: il Medium X4 22,5 Clean Drive. L’allestimento Clean Drive, appositamente progettato per gli autotelai completamente elettrici con interfaccia ad alto voltaggio, consiste in un cassone di raccolta elettrificato (22,3 metri cubi di capacità) con due motori elettrici interni e pompe idrauliche direttamente applicate, convertitori ed un raddrizzatore.

In primo piano

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati