In attesa di pubblicare la prova, prevista per l’autunno, abbiamo preso contatto con il nuovo Ford E-Transit, l’elettrico dell’Ovale Blu presentato anche a Milano sul finire dello scorso anno. Ford, infatti, ha organizzato un breve test a Valeggio sul Mincio, nel veronese, in una tranquilla, raffinata e riposante location. Location in cui gli elementi più visibili sembravano parlare essi stessi dell’iconico modello Ford. Su Vado e Torno di luglio/agosto (pag.34) l’articolo completo di tabelle e dati.

Due su tutti: il verde intenso e curatissimo dei prati circostanti, simbolo anticipatore di quell’essere profondamente green, dunque sostenibile, che in quanto caratteristica principale di ogni van elettrico, lo è dunque anche dell’ultimo modello dell’Ovale blu. E poi lo scorrere delle acque del fiume Mincio a lambire proprio quell’immensa distesa verde, quasi a simboleggiare la freschezza di questo modello, autentico best seller dell’universo van, la cui forza e la cui modernità rappresentano ancora oggi, e forse si potrebbe dire oggi ancor più che in passato, un punto di riferimento a oltre mezzo secolo dal primo lancio (1965).

ford e-transit

Ford E-Transit, in tutto e per tutto fedele alla tradizione

Suggestioni, certo. che tuttavia soltanto un’icona quale è il Transit è in grado di alimentare. Detto questo, la prima cosa che Ford E-Transit lascia trasparire fin dal primo approccio è la consistenza di un modello che naturalmente nasce per rispondere alla tendenza di un mercato e di un modo di intendere e fare trasporto che non può più prescindere dalla sostenibilità, ma che al tempo stesso, anche nell’inedita declinazione con motorizzazione completamente elettrica, mantiene intatte e salde le medesime caratteristiche che hanno contribuito al successo delle versioni con motorizzazione diesel.

ford e-transit

Dunque, affidabilità e robustezza, una notevole capacità di carico, guidabilità e maneggevolezza, un elevato standard di sicurezza. Senza con tutto ciò penalizzare le prestazioni. Insomma, per la serie buon sangue non mente, E-Transit è un modello con tutte le carte in regola per puntare al ruolo di riferimento nell’ambito dei van full electric di grandi dimensioni. 

In questo sempre più affollato segmento del mercato dei commerciali a emissioni zero, il Ford E-Transit si presenta nella sua configurazione con trazione posteriore, potendo disporre di due diverse potenze, 184 e 269 cavalli (corrispondenti a 135 o 198 kW) e un valore di coppia di 43,8 kgm (430 newtonmetro) subito disponibili, come è per tutti gli elettrici. 

ford e-transit

A dare linfa al propulsore (di tipo sincrono a magneti permanenti) è una batteria agli ioni di litio accreditata di 68 kWh di capacità. Motore e batteria sono entrambi sistemati sotto il pianale, soluzione che consente di non penalizzare le dimensioni e la volumetria del vano di carico. In particolare, il motore trova posto sull’assale posteriore, mentre il pacco batterie (che il costruttore garantisce per 8 anni o 160 mila chilometri), opportunamente avvolto in una culla di supporto in modo da risultare protetto in caso di impatto laterale, occupa l’intera zona centrale tra i due assi del veicolo.

Senza problemi l’operatività quotidiana

Ford indica per il suo elettrico un’autonomia di marcia prima della ricarica compresa, a seconda delle versioni, tra i 238 e i 305 chilometri (ciclo Wltp). Un valore che è tanta roba, e che in tutti i casi, considerando la percorrenza media giornaliera di un veicolo di questa categoria, consente di svolgere la propria mission quotidiana senza alcun tipo di problema, togliendo quell’ansia da ricarica che rappresenta un freno nelle scelte della clientela.

A proposito di ricarica, e detto degli intervalli di manutenzione che passano a cadenza annuale con chilometraggio illimitato, servono 11,5 ore per effettuare un ‘pieno’ con la wall box da 7 kilowatt, 8 ore affidandosi alla fast charge, ma solo 34 minuti per la ricarica dal 15 all’80 per cento con superfast DC in corrente continua (115 kW). 

ford e-transit

Il Sync 4 per la prima volta su un van

Quale importanza abbia il Ford E-Transit all’interno dell’offerta dell’Ovale blu, lo si capisce facilmente guardando all’articolazione della gamma. Il van di grandi dimensioni cento per cento elettrico viene infatti proposto come furgone, doppia cabina e chassis in 25 differenti varianti con peso totale da 3.500 a 4.250 chili, ottenute combinando tre lunghezze (5.531, 5,981, 6.707 mm), tre altezze (inizialmente saranno soltanto due), due passi (3.300, 3.750 mm), due potenze (184 e 269 cv). Ce n’è insomma per tutti i gusti e tutte le esigenze di trasporto e distribuzione, anche in fatto di portata (oltre 1.600 chili quella massima) e volumetria del vano di carico (da 9,5 a 15,1 metri cubi).

Niente da invidiare ai Transit con motore endotermico, dunque. E ciò vale anche per quel che riguarda il livello di equipaggiamento, molto ricco, come d’altronde è nella tradizione Ford: si va dall’antibloccaggio Abs al controllo della stabilità (Roll stability control), dal Side wind assist al set completo di airbag per conducente e passeggero. E ancora, Lane keeping system, Pre-collision assist con frenata d’emergenza automatica, Hill start, Post-collision braking, Auto high beam. E per la prima volta sale a bordo di un van Ford il sistema di infotainment Sync 4 con touchscreen da 12 pollici.  

In primo piano

Ford E-Transit, il mito si fa green. La nostra impressione di guida

Comincia l’era dell’iconico van Ford con motore elettrico da 184 o 269 cavalli. Con un’autonomia di marcia che si spinge alla soglia dei 300 chilometri togliendo ogni ansia da ricarica e una ricca dotazione che per la prima volta porta a bordo il sistema di infotainment Sync 4. L’E-Transit è offerto...

Articoli correlati