DHL Express, parte del colosso globale dei trasporti Deutsche Post DHL, sarà la prima divisione del Gruppo a testare i camion alimentati a idrogeno per il lungo raggio. A fare da apripista al programma Interreg NW Europe H2-Share, coordinato da WaterstofNet (società olandese dedita allo sviluppo di progetti sostenibili), sarà niente di meno che Apple, la più grande azienda tech al mondo.

L’obiettivo del programma, a cui prenderà parte anche la Casa produttrice degli iPhone, è quello di facilitare lo sviluppo di veicoli pesanti a basse emissioni di carbonio a idrogeno per applicazioni logistiche e acquisire esperienza pratica direttamente sul campo in diverse regioni, ponendo quindi le radici per una condivisione a 360° di know-how relativo ai sistemi propulsivi del futuro, cuore pulsante delle strategie a zero emissioni per il mondo dei trasporti.

Uno dei primissimi Volvo FH completamente elettrici, testato per i trasporti pesanti DHL su tratte selezionate nel nord della Scandinavia

DHL Express, con Apple per il camion a idrogeno del futuro

“In un mondo globalizzato, i carburanti sostenibili e puliti sono essenziali per una logistica neutrale dal punto di vista climatico. Non solo per il trasporto marittimo e aereo, ma anche per il trasporto stradale di linea, poiché questi aiutano a ridurre le emissioni di CO2”, ha commentato Alberto Nobis, CEO di DHL Express Europe. “Questo è il motivo per cui ci impegniamo non solo nell’elettrificazione della nostra flotta, ma investiamo anche nello sviluppo di sistemi di propulsione alternativi per gamme molto lunghe. Il progetto dimostra che possiamo raggiungere una logistica veramente senza emissioni in Europa se uniamo le forze e ci basiamo sull’esperienza”.

Mentre i camion elettrici a batteria possono operare in modo efficiente nelle consegne dell’ultimo miglio, i carburanti da energie rinnovabili come l’idrogeno sono essenziali per un trasporto di linea a zero emissioni. Ed è proprio per le loro caratteristiche intrinseche votate alla sostenibilità che DHL Express sta testando un veicolo pesante con un range extender a celle a combustibile di VDL. Il camion, gestito dall’olandese Nassau Sneltransport, copre una distanza giornaliera di circa 200 km su un percorso transfrontaliero nella regione del Benelux. Il camion, che si rifornisce ogni giorno in una stazione di rifornimento mobile di Wystrach, trasporta le consegne del cliente Apple di DHL Express. Durante la fase pilota, stando a quando dichiarato dai partecipanti al progetto, grazie all’impiego dell’autocarro a idrogeno potranno essere risparmiate fino a 35 tonnellate di CO2.

In linea con la roadmap per la sostenibilità, il gruppo Deutsche Post DHL sta investendo molto nell’uso di carburanti alternativi. L’idrogeno sta aprendo un nuovo mercato e può contribuire a soluzioni di trasporto verdi. Le intuizioni del progetto aiutano a valutare il potenziale di questa alternativa di carburante e a sostenere i processi decisionali.

In primo piano

Articoli correlati

ACT Expo, Kenworth svela l’innovativo mild-hybrid SuperTruck 2

Risultato di un investimento congiunto da parte del Dipartimento dell’Energia americano (DOE) e Paccar, il veicolo demo SuperTruck 2 presentato da Kenworth (una società Paccar) ad ACT Expo è stato sviluppato negli ultimi sei anni nell’ambito di una collaborazione con il programma SuperTruck del DOE....

Volvo amplia l’offerta di camion alimentabili a biodiesel

Il B100 è ora disponibile per un'ampia selezione di motori nei modelli Volvo FL, FE, FM, FMX, FH e FH16. L'attuale gamma di camion Volvo per impieghi medi e pesanti viene oggi offerta con motorizzazioni alimentate a diesel, biodiesel, HVO, CNG (gas naturale compresso), LNG (gas naturale liquefatto),...