Il Governo ha ufficializzato la proroga al cosiddetto taglio delle accise fino al prossimo 2 agosto. Il limite temporale precedente, infatti, era fissato per l’ormai imminente 8 luglio. La misura, com’è noto, riduce il peso delle accise sul costo del carburante alla pompa, abbassandolo di circa 30 centesimi al litro. È altrettanto vero, però, che questa iniziativa straordinaria del Governo non è riuscita a contrastare l’aumento dei prezzi alla pompa, ormai stabilmente sopra i 2 euro al litro (nonostante le minori accise) sia per la benzina che per il gasolio.

La proroga della misura anti-crisi è stata annunciata dall’Esecutivo con un comunicato stampa lo scorso 24 giugno, congiuntamente dal ministro dell’Economia Daniele Franco e da quello della Transizione Ecologica Roberto Cingolani. Il taglio delle accise riguarda, naturalmente, anche GPL e gas metano per autotrazione.

Le reazioni alla proroga del taglio delle accise fino al 2 agosto

Nei giorni scorsi avevamo dato conto della reazione di ANITA alla possibilità che il Governo prendesse questa decisione. In particolare, il presidente Baumgartner aveva avanzato perplessità, convinto del fatto che la misura penalizzi “le imprese di autotrasporto che in questi anni hanno investito e continuano a investire in veicoli moderni e che credono fortemente nella transizione ecologica”. Il provvedimento che riduce le accise sul carburante, scriveva ANITA, comporta la contestuale e momentanea esclusione dal beneficio del rimborso delle accise, autorizzata dall’Europa e riconosciuta alle sole imprese con veicoli di classe ambientale euro V ed Euro VI – vale a dire quelli di ultima generazione – andando di fatto ad avvantaggiare le imprese con veicoli più inquinanti.

Non è mancata la vis polemica di Cinzia Franchini, portavoce di Ruote Libere, che ha criticato l’atteggiamento di ANITA su una misura che, effettivamente, secondo Franchini, è “indispensabile ma del tutto insufficiente rispetto alla gravità della situazione”. Ruote Libere ha quindi rilanciato un cavallo di battaglia di questo periodo caldo, cioè l’idea di un tetto al costo del carburante di 1,60 euro al litro. L’unico modo, secondo l’associazione, perché gli autotrasportatori non debbano pagare eccessivamente il costo della crisi energetica in atto (nonché le evidenti manovre speculative, aggiungiamo noi).

In primo piano

Ford Trucks, con l’F-Max un tuffo nel passato per prepararsi al futuro

Erede dell’indimenticato Ford Transcontinental, l’F-Max è il modello su cui poggia l’ambizione di Ford Trucks di ritagliarsi un posto al sole nel panorama camionistico attuale d’Italia. All’efficiente motorizzazione Ecotorq si aggiunge un pacchetto completo di ADAS e il nuovissimo sterzo elettroidra...

Nuova vita ai teloni da camion usati? Ci pensa Freitag

Dare una seconda vita a un materiale di scarto, come i teloni da camion usati. È stata questa, già nel 1993, l’intuizione dei due graphic designer Markus e Daniel Freitag, che erano alla ricerca di una borsa funzionale, idrorepellente e robusta per i loro progetti. 

[VIDEO] MAN TGX 18.520, storia di un record

Nelle prossime settimane ripercorreremo il test da primato del MAN TGX 18.520, lo contestualizzeremo nell’ormai lunga storia del nostro Supertest da 500 km e approfondiremo alcuni aspetti specifici – dalla catena cinematica alla cabina; dai sistemi di assistenza al ruolo del driver – che hanno porta...

Articoli correlati

Guidare elettrico in inverno: i consigli di Geotab

L’abbassamento delle temperature tipico della stagione più fredda può rappresentare una sfida per i veicoli elettrici, le cui batterie possono essere messe alla prova in termini di consumi e durata. Per questo, Geotab ha identificato alcuni consigli per massimizzare le prestazioni dei mezzi a propul...