Scania R 540, capace di stupire. Il supertest da 500km

Scania R 540

Scende in campo lo Scania R 540, l’ammiraglia del grifone spinta dal 6 cilindri che regala, con venti cavalli di potenza in più rispetto alla taratura d’ingresso dell’iconico propulsore V8, brillantezza e guidabilità, con un occhio attento ai consumi. La recensione, corredata dai grafici di consumo, di coppia, di trasmissione e di tutti i dettagli più tecnici è disponibile anche sul numero di Vado e Torno di ottobre, sfogliabile sul nostro sito.

Scania R 540, alla frusta nel Supertest 500 km di VeT

Non prendetela come una forma di autoincensamento, ma il Supertest 500 km di Vado e Torno è davvero un misuratore prezioso e autorevole dell’efficienza prestazionale dei diversi veicoli. Un giudice per certi aspetti inappellabile, capace di smascherare piccoli o grandi nei, così come anche di confermare ed esaltare, dandogli il giusto risalto, specifiche qualità.

Il percorso, d’altronde, è disegnato proprio in funzione di questo fine, alternando una prima parte (quella che da Assago porta a Parma) scorrevole e senza particolari difficoltà, a una sequenza di tratti ben più impegnativi (nell’ordine, l’arrampicata verso Berceto, la picchiata su La Spezia, l’insidiosa e spesso ventosa tirata verso Genova, l’impegnativo strappo fino alla galleria dei Giovi). Insomma, una varietà di situazioni capaci, al tirare delle somme, di far emergere pregi e difetti di ogni veicolo in prova.

La stoffa dei campioni

Quando tuttavia a un percorso già di per sé severo si aggiungono condizioni meteo particolarmente capricciose (eufemismo) magari incappando nella classica giornata no, sotto forma di continui cantieri stradali, restringimenti di corsia e salti di carreggiata, allora il test assume i contorni di una vera e propria corsa a ostacoli, che soltanto i talenti di razza riescono a superare con ottimi voti, mostrando il volto migliore. È questo il caso dello Scania R 540. Pioggia, tanta, a tratti intensa, intervallata da apparenti schiarite seguite da improvvisi scrosci. Vento, sui quasi cento chilometri della La Spezia- Genova, di forza tale da mettere a dura prova la stabilità del veicolo. E poi una scorpacciata di rallentamenti, code e salti di carreggiata a imporre continui cambi di direzione e frenate.

Scania R 540, mostra le sue (tante) doti nelle difficoltà

Insomma, non proprio le condizioni migliori per un test consumi. Eppure, l’ammiraglia del Grifone non fa una piega, accettando la situazione per quel che è, sapendone comunque ricavare una performance di tutto rilievo che conferma una volta di più le qualità della Next Gen. Certo, chiudendo con 3,29 km/l non fa il record di percorrenza, tuttavia si conferma macchina brillante, a suo agio anche nelle condizioni di impiego più diffi cili. Uno Scania in tutto e per tutto.

La cabina, quando la tradizione non viene meno

Tre gradini, un tunnel di 160 mm e la solita ottima organizzazione. Questa è la Cr 20 H di Södertälje quanto a funzionalità ed ergonomia, nonchè dotata di ribaltamento elettrico (1.448 euro), la Cr 20 H che appogÈ uno dei punti di forza dell’ammiraglia svedese. Nel senso che migliorata con l’ultimo upgrade in gia sul telaio dell’R 540 in prova conferma la proverbiale ottima organizzazione tipica degli ‘uffici’ Scania. Assicura comfort (grazie anche alle sospensioni pneumatiche) lasciando all’esterno ogni fastidioso rumore o fruscio. Non un dettaglio qualsiasi quando si deve operare sul lungo raggio.

Scania R 540

Plancia ordinata come è nella tradizione del Costruttore di Södertälje, disposizione di tasti e interruttori a portata di mano, un volante con i diversi comandi integrati sagomato in basso come è ormai un classico nei veicoli di nuova generazione, ripiani, cassetti e vani portaoggetti in buon numero (ricavati nelle tasche porta, in plancia e sopra il parabrezza) a garantire che tutto sia sempre in ordine, strumentazione facilmente leggibile. E c’è pure, davanti alla seduta del passeggero, un pratico tavolinetto a scomparsa, ripiegabile a libro.

Quel lettino è pure allargabile

Alle spalle dei sedili (di tipo pneumatico, naturalmente) trova posto un comodo lettino (inferiore) che estende la larghezza fino a un metro, sotto il quale trova posto l’immancabile pratico frigo. In cabina si accede salendo tre gradini (l’ultimo nascosto alla vista con portiera chiusa). Dentro, i 9,8 m3 di spazio disponibili consentono una buona fruibilità, per nulla infi ciata dalla presenza del tunnel motore, peraltro di soli 160 millimetri di altezza

La meccanica

L’ottima intesa tra cinematica e telaio. Da qui nascono le brillanti prestazioni dell’R 540. Gioca le sue carte al meglio, il trattore R 540. Nulla che potesse far pensare al contrario, ma mettendo sotto esame sul percorso di Vado e Torno l’ammiraglia del Grifone, c’era una certa curiosità. Perchè la taratura più muscolosa tra quelle declinate da Södertälje sul 6 cilindri di tredici litri (450 e 500 le altre due a gasolio, cui si aggiunge il 410 cv a gas), è al tempo stesso anche più robusta di 10 cv rispetto all’ultima release dell’entry level dell’iconico V8, propulsore che ha fatto la storia. Si apre una competizione tra le mura amiche? Chissà.

Qui limitiamoci a sottolineare ciò che l’esame della strada ha fatto emergere. Un propulsore, il 12,8 litri del Grifone, dalla voce robusta, brillante e piacevolmente guidabile, caratterizzato da una coppia molto robusta (tocca ripetersi con gli aggettivi) che offre sul piatto 276 chilogrammetri costanti da 1.000 a 1.300 giri.

Scania R 540

Scania R 540, il cambio Opticruise e predittivo la garanzia

Vero e proprio tesoretto che consente spunto e marcia brillanti (ci risiamo con le ripetizioni) nei tratti più guidati (lo confermano i 78 all’ora di media ottenuti nell’impegnativo tratto della Cisa che porta a Berceto). Naturalmente lo Scania R 540 non è tutto qui. Prestazioni e performance (3,29 km/l a 74,8 all’ora di media ottenuti in condizioni di percorso oggettivamente complicate da pioggia, vento e lavori stradali) si spiegano anche con la perfetta combinazione e intesa tra cambio Opticruise e cruise predittivo. Ma questa, per Scania, non è nemmeno più una novità.

2020-10-08T09:34:16+02:007 Ottobre 2020|Categorie: PROVE|Tag: , |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio