A sentire associazioni di categoria e camere di commercio sui due versanti del Brennero sembrerebbe quasi che la questione dei divieti di circolazione settoriali e degli incolonnamenti di camion sull’asse Monaco-Innsbruck-Bolzano fosse una bega tra vicini di casa litigiosi e, soprattutto, avidi. Perché il “non detto” sulla questione Brennero alla fine è uno solo: gli austriaci, anzi i tirolesi austriaci per la precisione, punterebbero ad “alzare il prezzo” portando il costo dei pedaggi per i mezzi pesanti ad allinearsi a quelli che già da anni si pagano sull’altro corridoio di transito alpino, quello del San Gottardo in Svizzera lungo l’asse Basilea-Chiasso. In realtà, però, le cose vanno molto peggio.

Brennero, possibili rincari al pedaggio dei camion

Specie da quando i conteggi mensili dei veicoli in transito hanno documentato che, dopo il calo legato alla pandemia, già il 2021 potrebbe ripetere e superare il dato record di 2 milioni e 469mila camion registrato nel 2019. Dato che ha scatenato l’opinione pubblica locale: nel giro di un paio di mesi sono 29mila le firme raccolte tra Alta Valle d’Isarco (versante italiano) e Stubaital (versante austriaco) per chiedere ulteriori limitazioni alla cosiddetta “Lkw-Flut”, in italiano “alluvione di camion”. E non si tratta del colpo di testa di un politico di seconda fila in cerca di gloria.

Il ministro austriaco dell’ambiente Leonore Gewessler da Vienna ha colto la palla al balzo per parlare fuori dai denti. «Tutti gli operatori sanno bene che il Tirolo è la regione d’Europa dove il prezzo del gasolio è in assoluto più basso – ha dichiarato in una conferenza stampa convocata ad hoc – Proprio questi prezzi rappresentano un incentivo non da poco a scegliere l’asse del Brennero bel far viaggiare le merci da nord a sud e viceversa. È ora che questo ingiustificato “privilegio” finisca e mi impegno a farlo sparire al più tardi entro il 2022».

Automazione del traffico, sogno o realtà?

Un’ulteriore legnata per gli operatori del trasporto su gomma, già preoccupati di loro per il progetto annunciato dall’Autobrennero per il tratto italiano dell’autostrada: installare un sistema di sensori e computer che intervenga in automatico su acceleratore e freno dei camion in transito, controllandone da remoto distanziamento e velocità, così da sfruttare al massimo la capacità della corsia e contemporaneamente evitare i rischi di tamponamento, prima causa (pressoché quotidiana) di rallentamenti e ingorghi. Una sorta di “carovana automatizzata” di camion che potrebbe essere operativa entro cinque anni, ma convince molto poco chi al volante del camion lavora tutti i giorni.

In primo piano

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati

Brennero e ponte Lueg, una questione irrisolta

Ancora una volta la decisione è stata presa in modo unilaterale dall’Austria, pur trattandosi di un corridoio europeo della rete TEN-T. Per questo motivo le associazioni dell’autotrasporto hanno inviato una lettera-appello al ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

Incentivi nuova Sabatini, le domande dal 1° ottobre 2024 

Per usufruire degli incentivi previsti dalla nuova Sabatini, sarà possibile inviare la domanda dal 1° ottobre. La nuova Sabatini, regolamentata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), è finalizzata a sostenere i programmi di investimento e i processi di capitalizzazione delle piccol...