Il bonus gasolio, sotto forma di credito d’imposta del 28% sugli acquisti di gasolio del primo trimestre 2022, è finalmente a disposizione delle aziende di autotrasporto. Ci sono tuttavia, secondo quanto scrive Confartigianato Trasporti, difficoltà e lungaggini che rendono complicata da richiesta di rimborso alle imprese. Per questo, l’associazione chiede all’Agenzia delle Dogane di rimuovere gli ostacoli al caricamento delle domande. Intanto, il taglio delle accise sui carburanti è stato ufficialmente prorogato fino al 17 ottobre: qualche giorno in più dunque rispetto all’ultima scadenza del 5 ottobre comunicata appena un paio di settimane fa.

“La piattaforma online appositamente creata non è stata all’altezza della situazione, provocando disagi e malcontento tra migliaia di operatori a cui è stato negato di completare correttamente il caricamento delle istanze”, scrive Confartigianto Trasporti. “Riceviamo segnalazioni dai territori sulle difficoltà incontrate da migliaia di imprese, bloccate nella loro operatività, a causa di disservizi informatici legati all’accesso e all’autorizzazione sia attraverso SPID che Carta Nazionale dei Servizi CNS”.

Bonus gasolio, piattaforma di difficile accesso

Di per sé la procedura prevista per il caricamento delle istanze è molto semplice e la piattaforma, una volta dentro, è intuitiva e di facile utilizzo. Lo scoglio principale, e per certi versi insormontabile, è l’accesso alla piattaforma che viene inibito alle imprese, seppur in possesso dei requisiti, a cui vengono restituiti messaggi di errore e subito dopo negata l’autorizzazione a completare l’operazione.

“Riteniamo inaccettabile vanificare un ottimo strumento per problemi informatici che andavano risolti a monte”, ha commentato il Presidente di Confartigianato Trasporti Amedeo Genedani. “Chiediamo che l’Agenzia delle Dogane trovi urgentemente i correttivi per normalizzare la situazione. Dopo l’importante risultato sindacale raggiunto con il credito di 500 milioni di euro a favore delle migliaia di imprese che rappresentiamo il nostro obiettivo è che queste risorse vengano effettivamente fruite e a tutti sia consentito potervi accedere senza alcuna discriminazione, onde evitare una pioggia di ricorsi che ne ostacolerebbe la tempestiva erogazione per un settore strategico, ancora in gravi difficoltà, che ha necessità di essere sostenuto a beneficio dell’economia del Paese”.

In primo piano

Il nostro esclusivo Supertest dell’IVECO S-WAY 490

Questo è l’Iveco S-Way 490 che Vado e Torno ha provato in esclusiva per l’Italia sull’impegnativo percorso del Supertest 500 km, dove il pesante stradale Iveco ha realizzato, con 3,81 chilometri percorsi per ogni litro di gasolio consumato, una prestazione che lo proietta di diritto nell’olimpo dei ...

Articoli correlati