black coop

Se si parla con insistenza di lavoratori iterinali rumeni o bulgari, che contribuiscono a fare saltare come tappi le poche aziende sane ancora esistenti, poco si dice invece delle cosiddette coop spurie, cioè false o meglio illegali, che hanno un impatto altrettanto devastante sulla regolarità del settore.

Le coop spurie nel comparto dei corrieri

Tantomeno quando le coop spurie dilagano tra i corrieri, sotto la spinta irresistibile dell’osannato e-commerce, pur se contrastate con successo dai sindacati in qualche zona del Belpaese. A conferma, non solo il recente studio realizzato da Cat (cooperativa sociale onlus) su commissione delle Cgil di Toscana e Firenze, ma anche l’emblematica operazione delle forze dell’ordine nel livornese.

Che si tratti di fenomeno attuale ce lo conferma Gabrio Guidotti della Cgil Firenze: «Il 10 maggio scorso ci sono stati diversi arresti in Toscana per riciclaggio di denaro sporco e associazione indebita, che hanno coinvolto cooperative operanti nella zona di Livorno per corrieri internazionali». E l’operazione cui fa riferimento Guidotti suggerisce il nome ‘black coop’ per quelle spurie del mondo dei corrieri.

Allucinanti le circostanze, e allo stesso tempo tipiche del funzionamento delle coop spurie: si aprono e chiudono cinque coop diverse in cinque anni di facchinaggio e spedizioni, lavorando sempre per lo stesso corriere mentre un commercialista di Torre Annunziata indica costi fittizi per 16 milioni e crediti inesistenti per 3 milioni, distraendo almeno 4,5 milioni. Ma in quali condizioni hanno lavorato i malcapitati sottoposti?

black coop

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][fusion_tagline_box backgroundcolor=”” shadow=”no” shadowopacity=”0.1″ border=”1px” bordercolor=”” highlightposition=”top” content_alignment=”left” link=”http://www.vadoetorno.com/abbonamenti.aspx?lang=it” linktarget=”_blank” modal=”” button_size=”xlarge” button_shape=”square” button_type=”flat” buttoncolor=”” button=”ABBONATI SUBITO” title=”Scopri di più” description=”L’articolo completo sul numero di luglio-agosto dell rivista Vado e Torno” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ class=”” id=””][/fusion_tagline_box][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Ford E-Transit, il mito si fa green. La nostra impressione di guida

Comincia l’era dell’iconico van Ford con motore elettrico da 184 o 269 cavalli. Con un’autonomia di marcia che si spinge alla soglia dei 300 chilometri togliendo ogni ansia da ricarica e una ricca dotazione che per la prima volta porta a bordo il sistema di infotainment Sync 4. L’E-Transit è offerto...

Articoli correlati