Il Centro Studi e Statistiche UNRAE, come di consueto, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, ha effettuato una stima del mercato camion per il mese di settembre 2021 verso settembre 2020. Ne è emerso un quadro positivo, con un incremento sostenuto dei veicoli industriali immatricolati (+24,7%) e una fotografia altrettanto lusinghiera dei primi nove mesi. Ma l’aumento indiscriminato del prezzo della materie prime e dei carburanti, combinati con la carenza dei semiconduttori per le componenti elettroniche dei mezzi, tratteggiano tinte fosche sui prossimi mesi.

Mercato camion, torna il confronto con il 2020

In merito al mercato camion “a settembre siamo tornati a confrontare i dati mensili del 2021 con quelli del 2020 – spiega Paolo A. Starace, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di UNRAE – poiché ci sembra un confronto credibile per gli ultimi mesi dell’anno. Mentre per il periodo gennaio-settembre ancora riteniamo significativo il confronto con il 2019. Lo scenario che abbiamo di fronte conferma il profondo rosso dei veicoli fino a 6 t, una sostanziale invarianza tra le 6 t e le 15,99 t, mentre continua la crescita nel segmento uguale o superiore alle 16 t (+29,2% a settembre), che però si commenta da sola se confrontata con i risultati di luglio (+6,8%) e agosto (-9,3%). Finito il periodo di lockdown e riprese le attività produttive, il mercato sembrerebbe in recupero, ma i numeri che continuano a rimbalzare sembrano essere più effetto di uno “stop and go” determinato dalla discontinuità degli approvvigionamenti di componenti e quindi dalla capacità dei Costruttori di consegna dei veicoli, che non di una effettiva ripresa”.

La crisi delle materie prime e dei carburanti incombono

“Le notizie che arrivano dai mercati delle materie prime e dai dati della produzione di componenti essenziali, nonché dall’aumento generalizzato del trasporto e del costo dei carburanti – continua Starace – non ci consentono di tirare le somme e quindi azzardare previsioni per il prossimo futuro, in una situazione condizionata da fattori a così alto tasso di aleatorietà”.

“Per il settore dei veicoli industriali va poi considerato un fattore ulteriore di difficoltà e incertezza, generato dalla carenza di conducenti al quale dobbiamo rispondere formando da subito una nuova generazione di giovani professionisti, da destinare alla gestione di mezzi tecnologicamente avanzati e in grado di rispondere alle istanze di sostenibilità ambientale”.

“La disponibilità di conducenti professionali preparati – conclude Starace – rappresenta un’ulteriore condizione per poter andare concretamente verso un sistema trasportistico sostenibile, efficiente ed affidabile. Rinnovare il parco dei veicoli, continuando a caricare sui Costruttori gli oneri più pesanti per la cosiddetta transizione, non solo ecologica, senza avere poi a disposizione addetti in grado di gestirli nella pienezza delle loro potenzialità, non sembra davvero essere una scelta sensata”.

In primo piano

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati

Brennero e ponte Lueg, una questione irrisolta

Ancora una volta la decisione è stata presa in modo unilaterale dall’Austria, pur trattandosi di un corridoio europeo della rete TEN-T. Per questo motivo le associazioni dell’autotrasporto hanno inviato una lettera-appello al ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

Incentivi nuova Sabatini, le domande dal 1° ottobre 2024 

Per usufruire degli incentivi previsti dalla nuova Sabatini, sarà possibile inviare la domanda dal 1° ottobre. La nuova Sabatini, regolamentata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), è finalizzata a sostenere i programmi di investimento e i processi di capitalizzazione delle piccol...