«Rendere l’attività dei nostri clienti più semplice, più efficiente e di conseguenza più efficace». La frase pronunciata, con giustificato orgoglio, dai vertici MAN in occasione del lancio a Bilbao (Spagna) della nuova generazione del TGX, all’inizio del 2020, non sono un semplice slogan, e meno che meno vogliono essere una vaga promessa ammaliatrice. Nella concretezza che da sempre rappresenta un pilastro della filosofia di MAN e dell’approccio del costruttore di Monaco al mercato, quelle parole, oggi, assumono infatti il valore di una conferma, testimoniata dallo storico record stabilito nel Supertest di Vado e Torno dal MAN TGX 18.520, primo pesante stradale capace di superare sul tracciato di 500 chilometri della prova, la soglia dei 4 chilometri di percorrenza con un solo litro di gasolio. In questo risultato c’è tutta la qualità e il talento del nuovo TGX, frutto di un progetto – vale la pena sottolinearlo – che ha coinvolto 2.100 collaboratori (e oltre 700 autisti), richiesto 12 milioni di ore di lavoro, di cui 167 dedicate alla definizione del design, e qualcosa come 4 milioni di chilometri di test percorsi.

MAN implementa i più aggiornati ADAS sul nuovo TGX del Leone

Tutto questo rappresenta il più grande e ambizioso programma messo in piedi da MAN da oltre vent’anni a questa parte. Il risultato è un veicolo, il nuovo TGX, che traduce il know-how del marchio del Leone e il raffinato contenuto tecnologico del modello, in un pesante che fa dell’efficienza un valore aggiunto capace di fare la differenza, semplificando appunto, il lavoro quotidiano di clienti, autisti e flotte.

Non c’è alcun dubbio sul fatto che, al di là dello straordinario record nel Supertest di Vado e Torno, al MAN TGX 18.520 va riconosciuto il merito di aver spostato ancora più in alto – e non di poco – l’asticella del rendimento, inteso anche come standard di sicurezza, comfort e funzionalità.

man-tgx-adas-1

A bordo, ad esempio, il ricco ventaglio di sistemi e funzioni di assistenza alla guida (Adas) di cui il TGX 18.520 è dotato, offre netta la sensazione di viaggiare sempre e comunque accompagnati da un amico fidato al proprio fianco. Il quale, silenzioso e discreto quanto preciso e puntuale, su ogni tipologia di strada, in ogni condizione climatica e di impiego del veicolo, scruta, controlla, avverte, protegge, interviene.

Gli ADAS proposti da MAN nel dettaglio: si parte dall’Efficient Cruise 3

Insomma, un compagno di viaggio insostituibile. Come lo è ad esempio, l’Efficient Cruise 3, un autentico profeta della strada in grado di leggerne il profilo fino a una distanza di tre chilometri, regolando di conseguenza la strategia di marcia sulla base dello sviluppo del tracciato stesso, del suo profilo altimetrico, nonché del peso del veicolo. Dettaglio non trascurabile: l’Efficient Cruise 3 sviluppato da MAN si avvale di mappe tridimensionali aggiornate “over the air”, cioè in automatico: un vantaggio non indifferente.

In dotazione all’Efficient Cruise, c’è anche l’Efficient Roll, l’utile funzione che in determinate condizioni di marcia, innestando automaticamente il cambio in posizione neutra (N) con regine di giri del motore ridotto al minimo (550 giri col propulsore D26) consente di procedere sfruttando unicamente l’inerzia del veicolo. Il beneficio in questo caso è doppio: riduzione delle perdite di trascinamento da una parte e taglio netto del consumo di carburante dall’altra.

A massimizzare l’efficienza del TGX contribuisce anche il Cruise control adattivo (Acc) attivabile a partire dai 15 all’ora (e con l’Acc Stop and Go anche al di sotto di questa velocità) e dotato di una funzionalità che regola la velocità del veicolo fermandolo in caso di code.

man-tgx-adas-2

Più specificamente rivolto alla sicurezza è invece il Turn Assist: attraverso due sensori questo sistema, attivo fino ai 30 all’ora, monitora l’angolo cieco sul lato passeggero avvertendo l’autista con segnalazioni acustiche e visive. Sulla stessa falsariga, il Lane change support (Lcs), che invece controlla anche il lato sinistro, monitorando un’area compresa tra 30 metri (davanti al veicolo) e 80 metri (dietro), anche in questo caso avvertendo per tempo il conducente.

L’assistente anti-collisione con il controllo elettronico dello sterzo

Altra utilissima funzione sviluppata da MAN per il TGX è il Lane change collision prevention assist (Lccpa), l’assistente anticollisione che sovraintende al cambio di corsia effettuato in totale sicurezza. E grazie al controllo elettronico dello sterzo, riportando automaticamente il veicolo all’interno della propria corsia di marcia qualora, pur con indicatore di direzione attivato da parte dell’autista, gli immancabili sensori riscontrino il pericolo di collisione ritenuto imminente.

Potrebbe interessarti

La combinazione di quest’ultima funzione col Traffic jam (l’assistente di guida in colonna che arresta il veicolo e lo riaccelera automaticamente in caso di rallentamenti o code di breve durata) dà luogo al Cruise assist: il sistema mantiene il veicolo nella propria corsia di marcia, assicurando al tempo stesso la corretta distanza rispetto al veicolo che lo precede.

Non ultimo, il Lane return assist (Lra): combinato con lo sterzo elettronico, questa sentinella, attiva a partire dai 60 all’ora, previene l’abbondono involontario della corsia di marcia. Insomma, a bordo del MAN TGX, efficienza, sicurezza e comfort vanno davvero a braccetto. Senza compromessi.

In primo piano

Articoli correlati

Al volante dello Scania 45R Electric

Una giornata sulle dolci quanto impegnative strade della Norvegia al volante del tre assi per la distribuzione full electric di Södertälje. Quanto basta per apprezzarne potenzialità, prestazioni, comfort ed efficienza. E anche sfatare alcuni tabù sull’elettrico. Leggi l’articolo completo su Vado e T...