LNG, FERCAM e l’autotrasporto dell’Alto Adige investono su carburante sostenibile

Alle pendici dei monti sudtirolesi è nata un’alleanza all’insegna dell’LNG con l’intento di ridurre drasticamente l’impatto dell’inquinamento provocato dal trasporto stradale. Un obiettivo, quello dell’autotrasporto a impatto zero, che ha portato l’azienda di trasporti e logistica altoatesina FERCAM, la società di trasporti Transbozen e la concessionaria IVECO per l’Alto Adige Gasser srl a siglare un accordo di partecipazione societaria alla BIOGAS Wipptal.

Gli investimenti delle società favoriranno i lavori di adattamento e di riconversione dell’Azienda energetica. In questo modo, l’Azienda avvierà nei prossimi mesi la produzione di GNL per autotrazione presso l’impianto in Val di Vizze.

L’alleanza sostenibile tra FERCAM e l’autotrasporto altoatesino

I lavori per la riconversione dell’attuale impianto in Val di Vizze prevedono un investimento di 11 milioni di €. Saranno avviati a metà ottobre, mentre l’inizio della produzione di BioGNL per autotrazione (gas naturale liquido prodotto da biomassa) è previsto per aprile 2021.

Si tratta di un investimento globale di 24 milioni di €. Investimento all’insegna della sostenibilità e nel rispetto dei principi dell’economia circolare, che predilige processi di produzione poco impattanti, equi e ad alto valore sociale.

Di seguito, le parole dell’AD di FERCAM, Hannes Baumgartner.

“La nostra azienda da anni con successo opera con automezzi con tecnologia LNG. Questi, hanno il vantaggio di azzerare le emissioni di particolato. Inoltre, anche di abbassare notevolmente le emissioni di CO² rispetto ai motori a gasolio. Con l’impiego di BioGNL il nostro obiettivo è di riuscire a trasportare le merci ad un impatto sul clima quasi pari a zero. Il BioGNL sarà prodotto in futuro dalla BIOGAS Wipptal”.

La strada verso un’Europa a zero emissioni

L’intento, a detta di Baumgartner, è quello di “contribuire attivamente al raggiungimento degli ambiziosi obiettivi di tutela ambientale. Obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi nel 2015. In base a questi obiettivi,  il settore dei trasporti dovrà ridurre le emissioni di gas a effetto serra di almeno il 40% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990″.

Nonostante le incognite che da sempre accompagnano l’ingresso di un’azienda in un settore per lei completamente nuovo come, in questo caso, quello della produzione di carburanti sostenibili, FERCAM intraprende con slancio la roadmap verso il tanto agognato raggiungimento dell’impatto zero. Tutto ciò, anche grazie alla competenza e l’esperienza dei soci con cui ha deciso di investire sulla produzione di GNL.

FERCAM

BIOGAS Wipptal, quando le mucche “producono” energia

La BIOGAS Wipptal con sede in Val di Vizze è stata costituita nel 2008 da 62 soci con l’obiettivo di riutilizzare gli effluenti zootecnici degli allevamenti di bovini da latte per la produzione di fertilizzante e biogas per l’energia elettrica.

Con il decreto interministeriale del 2 marzo 2018 l‘Italia, nel rispetto delle direttive UE sull’impiego di risorse energetiche rinnovabili nel settore dei trasporti, ha stabilito nuovi obiettivi e condizioni quadro in materia, che hanno indotto la BIOGAS Wipptal ad una riconversione del proprio impianto. Con la produzione di BioGNL per autotrazione aumenterà anche l’ambito di attività della BIOGAS Wipptal, che a lavori ultimati oltre alla produzione provvederà anche al rifornimento degli automezzi.

Ecco le dichiarazioni di Alex Gasser, Ad della Gasser IVECO srl.

Aziende come FERCAM e Transbozen, anche recentemente hanno ampliato il proprio parco mezzi con camion GNL dell’ultima generazione. L’innovazione tecnologica di questi automezzi nel recente passato si è concentrato soprattutto sui carburanti alternativi.

La nostra partecipazione al progetto BIOGAS Wipptal conferma il nostro interesse a garantire trasporti sostenibili; infatti, proprio in questi ultimi mesi abbiamo visto che i trasporti sono assolutamente necessari per il funzionamento di tutta l‘economia e pertanto è importante che siano il meno impattanti possibile e rispettosi delle esigenze ambientali”.

2020-10-11T18:35:19+02:006 Ottobre 2020|Categorie: EVENTI|Tag: |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio