Hyundai e Kia. Arrival, start-up britannica di veicoli elettrici, il 16 gennaio 2020 ha firmato un investimento strategico di 100 milioni di euro con i due colossi coreani Hyundai e Kia. La finalità è quella di co-sviluppare furgoni elettrici di piccole e medie dimensioni, e altri prodotti ecologici per le aziende, la cui richiesta è in rapida crescita per il mercato europeo, ormai sempre più attento alla sostenibilità. L’introduzione da parte dell’UE di norme più severe, che limiteranno i valori medi CO2 di gamma di ogni casa automobilistica, avverrà a partire dal 2021.

Hyundai e Kia

Hyundai e Kia, tecnologia Arrival

Il fiore all’occhiello di Arrival è la piattaforma EV modulare e scalabile ‘skateboard’ che verrà utilizzata da Hyundai e Kia proprio per la sua adattabilità. La struttura della piattaforma, che incorpora un pacco batteria, un motore elettrico e i componenti di trasmissione, velocizza lo sviluppo dei veicoli riuscendo ad adeguarsi alle esigenze dei clienti.

L’accordo con Arrival arriva a qualche giorno da un altro importante annuncio di Hyundai e Kia: lo sviluppo di un Purpose Built Vehicle (PBV), totalmente elettrico. Questa partnership permette inoltre a Hyundai di accelerare la strategia ‘Two-Track’, una soluzione in cui l’elettrico si combina alle celle di combustibile ad idrogeno.

Hyundai e Kia

Queste le parole di Avinash Rugoobur, responsabile delle strategia di Arrival, a margine dell’accordo “siamo entusiasti di uscire dalla modalità nascosta attraverso la nostra partnership con Hyundai e Kia, un OEM rispettato a livello con prodotti eccellenti in circolazione, e la nostra esperienza complementare ci permetterà di passare rapidamente alla produzione su larga scala. Accelerare l’adozione dei veicoli elettrici è un bene per tutto – per le persone, per le aziende e per il pianeta, e siamo lieti di intraprendere questa missione con i nostri partner Hyundai e anche Kia”.

Le partnership siglate nel 2019 con Rimac, azienda croata di veicoli elettrici ad alte prestazioni, e IONITY, la più grande rete europea di ricarica al alta potenza, testimoniano la volontà di investire in questo settore da parte di Hyundai e Kia.

In primo piano

Ford E-Transit, il mito si fa green. La nostra impressione di guida

Comincia l’era dell’iconico van Ford con motore elettrico da 184 o 269 cavalli. Con un’autonomia di marcia che si spinge alla soglia dei 300 chilometri togliendo ogni ansia da ricarica e una ricca dotazione che per la prima volta porta a bordo il sistema di infotainment Sync 4. L’E-Transit è offerto...

Articoli correlati