Mentre le piattaforme online dedicate allo shopping e i social commerce hanno avuto un impulso innovativo costante negli ultimi anni, la stessa cosa non si può dire dei processi che gestiscono tutte le attività di post vendita che deriva dall’e-commerce e, in particolare, per tutte quelle azioni legate alla logistica, alla gestione del magazzino e alle spedizioni. “Per sopperire a tale mancanza del mercato è nata eLogy, un nuovo paradigma che offre alle aziende di vendita online un servizio di logistica proattivo alla loro domanda, dove la digitalizzazione della filiera di Warehousing & Fulfilment, il concetto di information care ai clienti e la lettura evoluta dei dati la rendono unica in tale mercato”, ha esordito Marco Lanzoni, Ceo e Fondatore di eLogy. “Questa piattaforma si può integrare con qualsiasi sistema di vendita e una volta collegato il cliente ha a disposizione una panoramica di tutti gli ordini e le spedizioni”.

eLogy nasce nel 2019 dalle sinergie di Marco Lanzoni e Giorgio Fioravanti: si tratta quindi di un applicativo software tecnologicamente avanzato, scaturito dall’esigenza di portare l’attività di logistica, anche se svolta offline, a pari passo con l’e-commerce, garantendo puntualità, affidabilità di consegna e ottimizzazione dell’intera catena di distribuzione. La piattaforma eLogy permette di gestire tutta la logistica per e-commerce: logistica in entrata, logistica di magazzino e distribuzione logistica.

Marco Lanzoni e Giorgio Fioravanti

eLogy, i servizi offerti per migliorare i processi della supply chain

Ed è proprio per migliorare il valore dell’intera catena di distribuzione che eLogy ha implementato una serie di servizi. Si parte da un algoritmo capace di scegliere in base all’ordine e al cap il corriere più performante, per passare a dei bot che tramite whatsapp aggiornano l’utente finale sullo stato della spedizione, fino a un’ottimizzazione delle giacenze e dei resi. La piattaforma gestisce anche eventi come i carrelli abbandonati: tramite call center, gli operatori possono recuperare questi ordini e seguire le fasi di up sell e cross sell. Tali funzioni garantiscono una maggiore efficacia dei processi di consegna e, conseguentemente, un aumento del grado di soddisfazione e di fidelizzazione dei clienti. Inoltre, è possibile analizzare la redditività e le potenzialità dei clienti stessi, al fine di lanciare campagne di mail o sms marketing altamente performanti.

L’approccio tecnologico e la peculiarità della piattaforma, con una fase di test a fine 2019 e l’avvio delle attività nel 2020, hanno trovato fin da subito un forte riscontro nel settore, raggiungendo una crescita a doppia cifra e aprendo nuove succursali anche all’estero, nonostante il fatturato delle imprese italiane di trasporti e logistica, secondo i dati presentati dall’Ufficio Studi Confartigianato, sia crollato del 17,5% nel 2020.

Ultimo, ma non meno importante, è la progressiva internazionalizzazione dei servizi della piattaforma; se nel 2021 eLogy ha gestito spedizioni in 12 Paesi del Mondo, oltre all’Italia, in Spagna, Portogallo, Francia, Germania, Romania, Stati Uniti, Canada, Australia, Belgio, Olanda e in Lussemburgo, oggi la sua strategia di espansione è quella di rafforzare la sua quota di mercato anche nel resto dell’Europa e in America Latina attraverso partnership con strutture logistiche presenti nei vari paesi, tanto che il software è stata progettato per essere multi magazzino e multi country.

In primo piano

Articoli correlati

La nuova business unit Thermal Management di UFI Filters

Il team dedicato alla nuova BU farà base presso l'UFI Innovation Center di Ala di Trento. Grazie alla nuova divisione, UFI Filters dimostra un forte impegno nell’indirizzare l’attuale fase di cambiamento dell’industria automobilistica verso l’elettrificazione dei veicoli.

Più di 300 stazioni GNL fanno parte del circuito DKV Mobility

L’ampliamento della rete di accettazione di gas naturale liquefatto nel circuito DKV Mobility garantisce ora l'accesso a più di 300 punti di ricarica in dieci paesi: oltre all'Italia ci sono Germania, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Francia, Spagna, Polonia, Svezia e Finlandia.