DKV Mobility sta convertendo le proprie carte carburante alla vantaggiosa tecnologia chip NFC. Grazie a questa tecnologia, i clienti potranno pagare con il sistema contacless, semplicemente avvicinando la carta al terminale. Inoltre, le carte con chip NFC funzionano anche offline, garantendo la massima disponibilità del servizio; infatti, anche se il sistema POS non è in grado di stabilire una connessione con il server di fatturazione, la transazione andrà comunque a buon fine grazie all’autorizzazione del chip. Infine, ma non meno importante, la tecnologia NFC garantisce una maggiore protezione contro le frodi.

Le prime carte con chip saranno introdotte nei Paesi Bassi, dove potranno essere utilizzate immediatamente presso una rete selezionata di fornitori. Seguiranno poi le conversioni alla tecnologia NFC in altri paesi e per altri prodotti di carte DKV Mobility.

“Prevediamo una graduale diminuzione dell’importanza della banda magnetica, in futuro”, afferma Sven Mehringer, Managing Director Energy & Vehicle Services. “Passando dalla banda magnetica alla carta con chip NFC, DKV Mobility investe in una tecnologia consolidata a livello globale e a prova di futuro, utilizzata anche dalle più grandi società di carte di credito del mondo, e per una buona ragione”.

In primo piano

Articoli correlati

Nuova vita ai teloni da camion usati? Ci pensa Freitag

Dare una seconda vita a un materiale di scarto, come i teloni da camion usati. È stata questa, già nel 1993, l’intuizione dei due graphic designer Markus e Daniel Freitag, che erano alla ricerca di una borsa funzionale, idrorepellente e robusta per i loro progetti. 

Eric Laforge (Stellantis) ci racconta il nuovo E-Scudo

Grande compattezza (5 x 1,90 metri) per la versione base (sono disponibili anche una versione small e una large), soluzioni innovative per quanto riguarda la capacità di carico e un'autonomia notevole, che supera i 300 chilometri nella configurazione con batterie da 75 kWh. Sono queste le peculiarit...