Citroën Berlingo Blue HDI 100 S&S

È nato dallo stesso progetto che ha plasmato i cugini Partner (Peugeot) e Combo (Opel), ma il Citroën Berlingo rifiuta (come peraltro i suoi due parenti stretti) l’etichetta di modello fotocopia (degli altri due). Insomma, uguali ma diversi. La comune piattaforma è quella battezzata Emp 2, utilizzata anche dal fratello maggiore Jumpy (e dall’omologo Expert di Peugeot), ed è il vero elemento innovativo della new generation del furgone firmato da Double Chevron.

Citroën Berlingo Blue HDI 100 S&S, ridisegnata la sezione frontale

Adottandola si è di fatto realizzata una sezione frontale decisamente differente rispetto al precedente modello. Il passo è stato allungato di 50 millimetri (2.785 quello della nostra prova), è aumentata la carreggiata (1.554) e accorciato lo sbalzo (892). Visivamente, si coglie la posizione avanzata del parabrezza, mentre la linea del cofano che scorre leggermente più alta e orizzontale rispetto a prima, conferisce l’ immagine di maggiore solidità e robustezza.

Citroën Berlingo Blue HDI 100 S&S

Modificata anche la posizione dell’abitacolo, che è stato leggermente avanzato, senza tuttavia che questo abbia determinato un’evidente e sostanziale variazione delle proporzioni tra lo stesso e il modulo di carico. A proposito, la piattaforma Emp 2, dunque la nuova sezione frontale, si combina con una zona di carico ereditata dalla precedente serie (B 9).

Citroën Berlingo Blue HDI 100 S&S, c’è il passo lungo

Questo, almeno, nel caso del Berlingo con passo standard (quello del nostro test). Perché in effetti la novità c’è, importante, ed è la nuova versione con passo lungo (2.975 millimetri) che entra in gamma sostituendo la precedente variante L 2 configurata sul passo standard con sbalzo posteriore lungo.

Citroën Berlingo Blue HDI 100 S&S

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][fusion_tagline_box backgroundcolor=”” shadow=”no” shadowopacity=”0.1″ border=”1px” bordercolor=”” highlightposition=”top” content_alignment=”left” link=”http://www.vadoetorno.com/abbonamenti/” linktarget=”_blank” modal=”” button_size=”xlarge” button_shape=”square” button_type=”flat” buttoncolor=”” button=”ABBONATI SUBITO” title=”Scopri di più” description=”La prova completa sul numero di Gennaio della rivista Vado e Torno” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ class=”” id=””][/fusion_tagline_box][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Articoli correlati