Chereau continua il cammino di innovazione che lo distingue da sempre. Il costruttore normanno, infatti, conferma ancora una volta la sua vocazione verso ricerca e sviluppo. E lo fa migliorando, se possibile, le sue già elevate prestazioni in termini di abbassamento dei consumi, efficienza e soluzioni mirate verso la catena del freddo. Una gamma di prodotti che sa unire elevate prestazioni termiche con soluzioni studiate per risolvere problemi specifici. Oggi Chereau sta infatti sviluppando diversi progetti che partono tutti dalla stessa base logica: fornire soluzioni dai contenuti tecnici rilevanti. Con l’obiettivo di costruire il trasporto del futuro. Il progetto Chereau Hydrogen Power H2 è oggi una realtà concreta verso l’impiego delle celle a combustibile a idrogeno.

Il progetto Chereau Hydrogen Power H2 punta al trasporto del futuro

Chereau Performance, il punto di riferimento

Non è un caso se oggi, nel mondo del trasporto refrigerato, la gamma Performance sia il punto di riferimento in termini prestazionali. Alla base ci sono la cura progettuale e costruttiva delle connessioni e l’impiego di materiali altamente performanti. Chereau è oggi in grado di garantire un coefficiente di trasmissibilità K pari a 0,27 sui propri semirimorchi frigoriferi. Un valore rilevante, che consente ad un carico a +2°C di passare a +7°C in 11 ore e 20 minuti in caso di avaria del gruppo frigo. La gamma Chereau Inogam Evo, già un punto di riferimento del mercato, impiega 3 ore e 20 minuti per lo stesso sbalzo termico alle stesse condizioni. Prestazioni eccezionali che la Performance ottiene grazie all’uso del sistema V.I.P., Vacuum Insulated Panel.

Il livello qualitativo di Chereau è molto elevato

Il segreto è nel sotto vuoto

Il sistema Vacuum Insulated Panel è progettato e prodotto interamente da Chereau. Le prestazioni elevate sono ottenute grazie all’impiego di un pannello flessibile sotto vuoto dallo spessore di 2 cm. Pannello integrato nella tecnologia produttiva del costruttore. Per ottenere valori simili di coefficiente K si dovrebbero utilizzare spessori fino a 20 cm di poliuretano oppure 30 cm di polistirene. Per arrivare a 40 cm di sughero. L’impiego di questa tecnologia permette di avere la garanzia ATP per 15 anni. Con evidenti vantaggi sia in termini di mantenimento della catena del freddo, sia per quanto riguarda il risparmio di carburante per la refrigerazione. Un risparmio che arriva al 20% e permette anche di allungare la vita utile dell’unità di refrigerazione. Una soluzione particolarmente indicata per i trasporti su lunghe percorrenze grazie al mantenimento della catena del freddo in caso di avaria dell’unità frigo.

Chereau è il punto di riferimento nel mantenimento della catena del freddo

In primo piano

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...