Sustainable Tour
Brennero

Per ora si tratta solo di una proposta di modifica alla Immissionsschutzgesetz-Luft, in breve Ig-L, la legge regionale con la quale il governo del Tirolo austriaco vuole di fatto bloccare gran parte del transito merci su gomma lungo l’asse del Brennero.  Norma che, formalmente, è mirata a tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini, come testimonia la parola ‘schutz’ nella sua denominazione, ma che in realtà va a inserirsi nel complicato braccio di ferro messo in piedi da Innsbruck con Italia, Germania e Unione europea, per alzare a dismisura il prezzo dei pedaggi. 

A fare da riferimento la tassa, pesantissima, che grava sui camion che percorrono il corridoio nord-sud ‘gemello’ tra Basilea e Chiasso. «Se lo fanno loro col beneplacito di Bruxelles, perché non dovremmo farlo pure noi?», è infatti il refrain che gira nel Parlamento regionale del Tirolo.  Però, a Vienna il governo sovranista è stato sostituito da una compagine più attenta alle questioni europee. Con l’ingresso a tre mesi dalle elezioni del partito dei Verdi di Werner Kogler al posto dell’ultradestra Fpoe.

Via libera ai camion Lng e elettrici (che non ci sono)

Ecco quindi nascere un fantomatico Allegato 5 che prevederebbe l’esenzione da divieti settoriali e limitazioni varie per i «veicoli con alimentazione monovalente a metano o con trazione esclusivamente elettrica, come ibridi plug-in la cui autonomia garantisca almeno 50 chilometri di percorrenza in modalità full-electric». 

Boccata d’ossigeno, si potrebbe dire di metano liquido per fare gli spiritosi, che cancellerebbe molti dei grattacapi per le grandi imprese di trasporto che operano tra Germania e Italia. Ma fa tirare un respiro di sollievo pure agli austriaci: «l’apertura ai nuovi mezzi Lng potrebbe cambiare radicalmente l’orizzonte», si è infatti precipitato a dichiarare un portavoce della camera di commercio del Tirolo. Per ora, però, dai corridoi dei palazzi di Innsbruck non sono arrivate né conferme né smentite.

metano liquido

In primo piano

Articoli correlati