Bosch sta entrando nell’era dell’idrogeno della mobilità. Nella sua sede di Stoccarda-Feuerbach, il fornitore di tecnologia e servizi ha ora avviato la produzione in serie del suo modulo di alimentazione a celle a combustibileNikola Corporation, con sede negli Stati Uniti, fungerà da cliente pilota con il suo camion elettrico a celle a combustibile a idrogeno di classe 8, che dovrebbe entrare nel mercato nordamericano nel terzo trimestre del 2023.

Qui a Stoccarda-Feuerbach, nello stabilimento la cui storia risale a più di qualsiasi altro stabilimento Bosch, il futuro dell’idrogeno sta per realizzarsi”, ha dichiarato Stefan Hartung, presidente del consiglio di amministrazione di Robert Bosch, al Bosch Tech Day 2023. “Bosch sa il fatto suo sull’idrogeno e sta crescendo in questa direzione”. Entro il 2030, Bosch prevede di generare un fatturato di circa 5 miliardi di euro con la tecnologia a idrogeno.

Anche nelle sue soluzioni per l’economia dell’idrogeno, Bosch si affida a una rete di produzione globale e all’abilità delle sue sedi tedesche. Ad esempio, lo stabilimento Bosch di Bamberg, in Germania, fornirà lo stack di celle a combustibile allo stabilimento di Feuerbach. E componenti di sistema importanti come il compressore d’aria elettrico e il ventilatore di ricircolo provengono dallo stabilimento Bosch di Homburg, in Germania.

Bosch è una delle pochissime aziende in grado di produrre in serie tecnologie complesse come stack di celle a combustibile. Non disponiamo solo delle competenze di sistema necessarie, ma anche della capacità di portare rapidamente i nuovi sviluppi alla produzione di massa”, ha affermato Markus Heyn, membro del consiglio di amministrazione di Bosch e presidente di Bosch Mobility. La produzione del modulo di alimentazione a celle a combustibile non sta iniziando solo a Feuerbach, ma anche a Chongqing, in Cina. I componenti necessari proverranno dallo stabilimento di Wuxi. “Bosch è la prima azienda a produrre questi sistemi sia in Cina che in Germania”, ha affermato Hartung. Inoltre, Bosch prevede di produrre stack per applicazioni mobili nel suo stabilimento statunitense di Anderson, nella Carolina del Sud. In tutto il mondo, l’azienda prevede che, entro il 2030, un nuovo camion su cinque del peso di sei tonnellate o più sarà dotato di un propulsore a celle a combustibile.

Bosch nell’era dell’idrogeno

Tra il 2021 e il 2026, Bosch avrà investito un totale di quasi 2,5 miliardi di euro nello sviluppo e nella produzione delle sue tecnologie a idrogeno. Si tratta di un altro miliardo di euro in più rispetto a quanto previsto nel piano di investimenti dal 2021 al 2024. Le opportunità di business per Bosch sono enormi, così come l’effetto sui posti di lavoro. Anche adesso, in Bosch ci sono più di 3.000 persone che lavorano sulle tecnologie dell’idrogeno, più della metà delle quali in Europa. Tuttavia, le ulteriori prospettive per il business dell’idrogeno dipendono dal contesto politico.

All’inizio del 2023, Bosch ha iniziato a costruire prototipi per l’elettrolisi utilizzando membrane a scambio protonico, in altre parole, il contrario del metodo di conversione dell’energia utilizzato nelle celle a combustibile mobili. A partire dall’autunno, l’azienda intende rendere disponibili prototipi da 1,25 megawatt per applicazioni pilota ed è sulla buona strada per avviare la produzione in serie nel 2025. Bosch sta esplorando diverse opzioni per l’utilizzo dell’idrogeno. Le celle a combustibile stazionarie ad ossido solido possono essere utilizzate per la fornitura distribuita di energia e calore. In un progetto pilota presso l’ospedale di Erkelenz, vicino a Colonia in Germania, Bosch intende utilizzare questa tecnologia per raggiungere un’efficienza complessiva del 90%. La microcentrale funzionerà inizialmente a gas naturale, ma potrà essere convertita in idrogeno verde. Oltre al propulsore a celle a combustibile, Bosch sta lavorando anche al motore a idrogeno, sviluppando sistemi sia per l’iniezione diretta che per l’iniezione diretta di idrogeno. Questa soluzione è particolarmente indicata per mezzi pesanti su lunghe percorrenze con carichi pesanti. Il motore a idrogeno dovrebbe essere lanciato a partire dal 2024.

In primo piano

Articoli correlati

Solera annuncia una partnership strategica con Axalta

Grazie alla collaborazione con Solera, Axalta è il primo produttore di vernici per carrozzeria a fornire i dati per calcolare con precisione le emissioni di CO2 dei prodotti e dei processi utilizzati durante la riparazione, anziché le medie generali del settore.