ANFIA ha pubblicato ha pubblicato il consueto focus sul mercato di veicoli commerciali leggeri, autocarri, rimorchi e semirimorchi in Italia nel 2021. In linea di massima si è assistito a un ritorno ai volumi del 2019, l’ultimo anno “normale” prima di un 2020 che per molti versi non sarebbe da considerare nelle comparazioni anno su anno. Ecco dunque che le immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri si sono attestate nel 2021 a 183.320 veicoli, il 2,4% in meno rispetto al 2019. +5% per gli autocarri, con 24.776 immatricolazioni nel corso del 2021. Poco sopra i 15.000 sono stati i rimorchi e semirimorchi immatricolati lo scorso anno, in aumento del 4,6% sul 2019. In tutti e tre i casi, si registra una differenza rispetto al 2020 nell’ordine della doppia cifra.

I dati ANFIA sui commerciali leggeri

Tra i veicoli commerciali, lo studio di ANFIA evidenzia come il diesel perde quota rispetto all’anno precedente, ma rimane di gran lunga la scelta preferita da chi acquista un van (83,3%, oltre 150mila veicoli). Residuali le altre alimentazioni, con i modelli ibridi (benzina-elettrico) e full electric in forte aumento e rispettivamente al 3,6% e 2%. Tra i veicoli inferiori a 3,5 ton primeggia Fiat con una quota di mercato che lambisce il 30%. Più staccate Ford (11,8%) e Renault (8%), davanti a Citroen, Peugeot, Iveco e Mercedes.

Potrebbe interessarti

Diesel quasi al 95% sui pesanti

Salendo sopra le 3,5 ton aumenta anche la quota di mercato die veicoli diesel, scelti quasi nel 95% dei casi. Leggerissimi aumenti per metano e GNL, mentre cala l’ibrido diesel-elettrico e si mantiene identica (11 veicoli) la quota degli autocarri elettrici immatricolati in Italia rispetto al 2020. Residuale (9%) la quota dei mezzi da cantiere, a fronte di quelli stradali (91%), mentre si dividono il mercato quasi in parti uguali cabinati e trattori. IVECO si conferma leader di mercato in Italia sia nella fascia 3,5-8 ton che tra gli 8 e i 16 ton, rispettivamente davanti a ISUZU e a Scania.

Rimorchi e semirimorchi

Passando ai trainati, sono poco più di 13.500 i semirimorchi immatricolati in Italia lo scorso anno, a fronte dei circa 1.400 rimorchi, con un mercato diviso tra costruttori esteri (56%) e nazionali (44%). Con il 13% del mercato, Schmitz Cargobull si conferma numero uno tra i costruttori di semirimorchi (1.776 unità immatricolate) davanti a Menci (11,3%), Krone (11,2), Kogel e Tecnokar. Menci e Omar tra i rimorchi hanno le maggiori quote di mercato in Italia.

In primo piano

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati

Brennero e ponte Lueg, una questione irrisolta

Ancora una volta la decisione è stata presa in modo unilaterale dall’Austria, pur trattandosi di un corridoio europeo della rete TEN-T. Per questo motivo le associazioni dell’autotrasporto hanno inviato una lettera-appello al ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

Incentivi nuova Sabatini, le domande dal 1° ottobre 2024 

Per usufruire degli incentivi previsti dalla nuova Sabatini, sarà possibile inviare la domanda dal 1° ottobre. La nuova Sabatini, regolamentata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), è finalizzata a sostenere i programmi di investimento e i processi di capitalizzazione delle piccol...