Volvo Fh Lng, la mossa del cavallo

Fa appena chiaro sul Parcmotor Castelloli e i Volvo Fh Gas Powered sbucano nella nebbia come mostri preistorici. Anche se si è a pochi chilometri da Barcellona, qui sui primi rilievi dei Pirenei, la notte scorsa è gelato. Comincia così la prova dei 460 e 420 svedesi alimentati a metano liquido che hanno messo in subbuglio il mondo dei carburanti alternativi. Perché non sono dei motori a benzina, con le candele, che vanno a gas. Ma sono dei diesel, quindi sfruttano l’autoaccensione per compressione del gasolio che fa esplodere la miscela aria gas. Insomma, la mossa che ti spiazza.

Mentre il sole comincia a bucare la nebbia, saltiamo nella cabina del 460. Niente dice che sotto il pavimento batte un motore a gas, neppure il borbottio percepibile al minimo. E anche affrontando gli incredibili saliscendi del Castelloli (massima pendenza sia in salita che in discesa 8 per cento), nonché le numerose curve a gomito, la cavalleria e il freno motore Veb rispondono all’appello quasi in fotocopia rispetto al diesel pari potenza messo a disposizione per il confronto immediato.

Volvo Fh Lng, la mossa del cavallo

Dalla Svezia arriva il diesel a gas

Stessa sensazione, naturalmente con quel po’ di sprint in meno regalato dai 420 cavalli, anche sul ‘piccolino’ che, però, grazie a una curva di coppia quasi sovrapponibile a quella del diesel, è persino ‘più classico’ nella reattività. Due potenze con cui Volvo centra proprio la ‘fascia verde’ della richiesta europea per i trasporti regionale e su lunga distanza che, a loro volta, rappresentano il 72 per cento del mercato totale truck. Copertura resa possibile anche dalle numerose declinazioni di cabina e allestimento. Praticamente tutte quelle possibili attualmente per l’Fh diesel.

Già perché per Volvo i veicoli a gas si inseriscono nella visione ‘Zero emissioni’ che ha preso le mosse nel 1972 quando, a proposito dell’inquinamento del Pianeta, l’allora Ceo, Pehr Gyllenhammar, disse: «Noi siamo parte del problema, ma vogliamo essere anche parte della soluzione». E il metano, da subito, consente di tagliare del 20 per cento le emissioni di CO2, quando la Ue ha chiesto di ridurle del 30 tra il 2005 e il 2030, a prezzi bassi e a lungo: le riserve stimate basterebbero per 233 anni, 55 in più rispetto al gasolio.

Volvo Fh Lng, la mossa del cavallo

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][fusion_tagline_box backgroundcolor=”” shadow=”no” shadowopacity=”0.1″ border=”1px” bordercolor=”” highlightposition=”top” content_alignment=”left” link=”http://www.vadoetorno.com/abbonamenti/” linktarget=”_blank” modal=”” button_size=”xlarge” button_shape=”square” button_type=”flat” buttoncolor=”” button=”ABBONATI SUBITO” title=”Scopri di più” description=”La prova completa sul numero di Gennaio della rivista Vado e Torno” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ class=”” id=””][/fusion_tagline_box][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Sustainable Truck of the Year 2024: vincono MAN, DAF e IVECO

Il 31 gennaio è stata la serata della consacrazione per i campioni del trasporto sostenibile, durante la cerimonia del Sustainable Truck of the Year 2024. L'evento è stato trasmesso sul canale 68 DTT e sui canali digitali di Vado e Torno e Sustainable Truck&Van. Le immagini della premiazione.

Articoli correlati