UPS rafforza la sua rete di UPS Access Point e raggiunge la soglia di 5.000 punti di ritiro e consegna in Italia in risposta alla crescita dell’e-commerce e alle richieste di convenienza e sostenibilità da parte dei consumatori; l’obiettivo è raggiungere un totale di 6.000 sedi entro la fine del 2024.

Questo traguardo rientra nel piano di rafforzamento della rete capillare delle sedi UPS Access Point: un totale di oltre 38.000 di punti di raccolta diversi dal domicilio privato in tutta Europa, che contribuiscono a ridurre le emissioni di CO2 nell’ultimo miglio fino al 33% rispetto alle consegne tradizionali. Questo permette alla società di rispondere alle esigenze di un crescente numero consumatori relative ai servizi di spedizione: più del 60% si ritiene molto interessato a metodi di consegna rispettosi dell’ambiente, inoltre il 27% di loro abbandonerebbe il rivenditore se questi non soddisfacesse le aspettative di consegna sostenibili, mentre il 25% lo sconsiglierebbe.

Le sedi UPS Access Point sono esercizi commerciali di quartiere con orari di apertura prolungati durante la settimana e aperture anche durante il weekend, che offrono agli acquirenti online tutta la scelta di ritirare i propri acquisti quando e dove risulta loro più comodo. In Italia, in particolare, già oggi chi vive in un’area urbana può trovare una sede UPS Access Point a una distanza media di 900 metri, mentre nelle città ad alta densità a circa 400 metri. 

Paco Conejo, Managing Director di UPS Sud Europa, ha dichiarato: “Con questa espansione, UPS dimostra il suo impegno nel costruire soluzioni logistiche innovative e sostenibili che offrono una scelta ai propri clienti. Il nostro obiettivo è continuare a promuovere pratiche efficienti e sostenibili, predisponendo punti di consegna alternativi e una migliore customer experience per i destinatari, semplificando le supply chain dei mittenti”.

Presso le sedi UPS Access Point, non solo si possono ritirare facilmente gli acquisti effettuati online, ma si possono anche consegnare i resi senza nemmeno dover stampare l’etichetta, servendosi semplicemente di un codice a barre su smartphone: un’altra comoda opzione rispetto all’organizzazione di un ritiro e all’attesa dell’autista, semplice e sostenibile.

In primo piano

Articoli correlati

DB Schenker: DSV, Maersk e MSC concorrono per l’acquisizione

Deutsche Bahn (DB) ha ricevuto diverse proposte per l’acquisizione della sua divisione logistica DB Schenker. Tra queste, si è fatto avanti un consorzio guidato dalla società finanziaria CVC Capital Partners e dalla società di asset management Carlyle, oltre al gruppo logistico DSV e ai gruppi armat...