Iveco ha consegnato presso la sede di Almè (Bergamo) della ditta Autotrasporti Dolci Vincenzo un plotone di 25 Stralis NP 460 alimentati a LNG, alla presenza dei titolari dell’azienda, Laura e Andrea Dolci, di Alessandro Oitana, Medum & Heavy Business Line Manager Iveco e di Paolo Zanardi, titolare della concessionaria di riferimento Autoindustriale Bergamasca.

Autotrasporti Dolci Vincenzo sfiora il 100 per cento LNG

L’azienda, che nei suoi 64 anni di attività ha saputo variare il proprio business a seconda delle richieste del territorio, gestendo così i cambiamenti di mercato avvenuti negli anni, è da sempre attenta a trovare soluzioni innovative per mantenere vivo il proprio business. La propensione al cambiamento e all’innovazione, insieme alla volontà di compiere una scelta sostenibile, hanno spinto i due titolari, Laura e Andrea Dolci, a cambiare la maggior parte dei veicoli e mettere in strada una flotta green.

Da qui la decisione di acquistare i 25 Iveco Stralis NP 460 e convertire quasi completamente la flotta al gas naturale liquefatto, diventando così il primo in Italia a sfiorare il 100 per cento LNG. La ditta Autotrasporti Dolci Vincenzo si è rivolta a Iveco per la sua lunga e pionieristica esperienza nel campo delle trazioni alternative e per le caratteristiche dei veicoli proposti dal brand, che rispondono a pieno all’esigenza dell’azienda di effettuare un trasporto sostenibile, che assicuri al contempo elevate prestazioni a un Costo Totale di Esercizio (TCO) estremamente competitivo.

In primo piano

Articoli correlati

L’IVECO S-WAY vince il Red Dot Award nella categoria Product Design

“Siamo estremamente orgogliosi che la giuria del Red Dot Award abbia premiato il nostro design progettato intorno al cliente, che riflette la qualità superiore dell’S-Way, coniugando in modo efficiente estetica, funzione e innovazione’” ha dichiarato Marco Armigliato, Head of Industrial Design, Ivec...

DAF, 75 anni di veicoli industriali

DAF Trucks festeggia 75 anni di attività nel settore della costruzione di veicoli industriali. Nei primi anni, l’azienda era conosciuta a Eindhoven come “Fabbrica di macchine di Van Doorne”.