America e Cina insieme per lo sviluppo di soluzioni dedicate all’idrogeno verde, quello più pulito disponibile sul mercato poiché prodotto con metodi sostenibili (con basse emissioni di CO2, se non nulle). Potrà sembrare strano considerando le tensioni in atto tra i due Paesi ma è proprio così: la divisione cinese di Cummins (storico motorista americano) e Sinopec, il marchio della China Petrochemical Corporation, hanno annunciato una joint venture volta ad aumentare la produzione sul mercato cinese di questo carburante, tra i tasselli fondamentali dei piani per la transizione energetica. Nello specifico, la joint venture dovrebbe accelerare l’accessibilità e la disponibilità di idrogeno verde attraverso una maggiore innovazione tecnologica, ricerca e sviluppo e capacità di produzione.

Cummins Enze, con Sinopec per l’idrogeno verde

Cummins Enze, situata a Foshan, nella provincia di Guangdong in Cina, investirà inizialmente 47 milioni di dollari per avviare la costruzione di un impianto di produzione di elettrolizzatori a membrana a scambio protonico (PEM). L’impianto avrà inizialmente una capacità produttiva di 500 megawatt di elettrolizzatori all’anno al completamento nel 2023, che sarà gradualmente aumentata nei prossimi cinque anni per raggiungere un gigawatt di capacità produttiva all’anno. Cummins Enze fornirà anche una varietà di soluzioni di sistemi di generazione di idrogeno per soddisfare i requisiti di applicazioni diversificate.

La produzione annuale di idrogeno di Sinopec raggiunge 3,5 milioni di tonnellate, pari al 14% della produzione nazionale di idrogeno: numeri che lo rendono uno dei più grandi fornitori nazionali del carburanti in questione. L’anno scorso, Sinopec ha stabilito la visione di diventare l’azienda chimica leader nel mondo per l’energia pulita e ha posizionato l’intera catena industriale dell’idrogeno come il core business per la sua nuova strategia energetica.

Cummins, una strategia globale

Cummins ha un ampio portafoglio di tecnologie per la generazione di idrogeno rinnovabile, compresi gli elettrolizzatori PEM e le soluzioni di celle a combustibile. Ad oggi, l’azienda ha distribuito più di 2.000 celle a combustibile e 600 elettrolizzatori a livello globale. Cummins ha recentemente annunciato alcune partnership significative focalizzate sullo sviluppo dell’idrogeno. Quella con Air Products è indirizzata allo sviluppo di camion a celle a combustibile, mentre quella firmata con Chevron intende investire nella ricerca di opportunità di business nell’idrogeno o in altre fonti di energia verde.

“L’idrogeno verde è la tecnologia definitiva dell’industria energetica dell’idrogeno nel futuro”, ha detto Zhou Yuxuan, direttore generale di Enze Fund e presidente della joint venture. “Entrambe le tecnologie dell’idrogeno grigio e blu (idrogeno grigio con tecnologia di cattura del carbonio) sono solo di transizione. Useremo le attuali risorse industriali di Sinopec e tracceremo la catena dell’industria dell’idrogeno verde per ottenere maggiori progressi nei prossimi anni”.

In primo piano

Ford E-Transit, il mito si fa green. La nostra impressione di guida

Comincia l’era dell’iconico van Ford con motore elettrico da 184 o 269 cavalli. Con un’autonomia di marcia che si spinge alla soglia dei 300 chilometri togliendo ogni ansia da ricarica e una ricca dotazione che per la prima volta porta a bordo il sistema di infotainment Sync 4. L’E-Transit è offerto...

Articoli correlati