Dopo un anno di crescita, il Gruppo Smet annuncia l’apertura di una nuova sede aziendale, a Milano. La scelta dell’operatore logistico intermodale di Salerno di aprire un nuovo polo nel Nord Italia, si inserisce all’interno delle spinte espansive dettate dalle richieste del mercato e dalla ripresa economica post Covid-19 (pandemia, va sottolineato, tutt’altro che superata).

“Il 2021 è stato un anno complesso ma, grazie alla diversificazione del business, lo abbiamo chiuso con una crescita del 10% – ha commentato il CEO Domenico De Rosa – Il nuovo anno parte con questa nuova apertura, a testimonianza del fatto che il nostro Gruppo crede fermamente nel rilancio dell’economia italiana e nel ruolo strategico che il trasporto e la logistica rivestono in un contesto di crescita”.

Gruppo Smet, le sedi diventano 31. Volumi per 100.000 ton su base annua

Con questa nuova apertura salgono a 31 le sedi del Gruppo SMET, di cui 20 in Italia e 11 all’estero. La nuova sede, che sorge nel capoluogo lombardo nelle immediate vicinanze dell’autostrada A4 Torino-Trieste, è un hub logistico che svilupperà attività specifiche a particolare valore aggiunto e fungerà anche da cross docking sui flussi internazionali provenienti dall’estero. A regime sono previsti interscambi di merci per oltre 100.000 tonnellate su base annua.

Il Gruppo SMET, di cui ricorre quest’anno il 75° anniversario dalla fondazione, è stato pioniere nella svolta green del settore ed ha promosso, tra i primi in Europa, nuove modalità di trasporto sostenibile. A partire dalla metà degli anni ’90 ha dato forte impulso ai collegamenti intermodali marittimi, in partnership con il Gruppo Grimaldi. Parallelamente dal 2014 in poi ha scelto di investire sui carburanti alternativi al diesel: dal gas metano liquido all’elettrico e fino ai futuri veicoli alimentati ad idrogeno.

In primo piano

Articoli correlati

Nuova strada per i tir diretti al porto di Vado Ligure

È stata inaugurata una strada per facilitare l’accesso dei tir diretti in porto a Vado Ligure (Savona). La nuova viabilità, lunga circa 1 chilometro tra la via Aurelia e la galleria Carrara, permetterà di separare il traffico pesante diretto in porto dalla viabilità cittadina.