Sustainable Tour

Nel solco del miglioramento del TCO (Total Cost of Ownership) e dell’ottimizzazione gestionale delle flotte, anche attraverso il car sharing (pratica che, ovviamente, può coinvolgere anche i veicoli commerciali), Geotab ha lanciato la sua soluzione Keyless, in grado di integrare la funzionalità di chiave digitale sicura con le piattaforme di prenotazione complete per massimizzare gli investimenti sui veicoli.

Il leader globale in ambito IoT, veicoli connessi ed elettrici (sono 2,1 milioni i veicoli del brand con soluzioni di telematica in grado di offrire informazioni basate sui dati a più di 40.000 clienti in tutto il mondo) con Geotab Keyless ha lanciato una delle prime piattaforme al mondo in grado di integrare le chiavi digitali in maniera sicura con la soluzione per la gestione delle flotte completa e basata sui dati. Si tratta di una soluzione combinata che abilita una nuova generazione di car sharing, consentendo ai gestori delle flotte pubbliche, aziendali, a noleggio e istituzionali di analizzare, condividere e utilizzare i propri veicoli in modo più efficace, riducendoli laddove necessario.

Una nuova proposta in linea dunque l’esplosione del mercato del car sharing, con più di 50,4 milioni di iscrizioni nel mondo tra le varie piattaforme nel 2018 e 227 milioni previste entro la fine del 2023 (si tratta di dati forniti da una ricerca Berg Insights condotta nel 2019).

Geotab Keyless, le chiavi digitali per ottimizzare la gestione della flotta

“Siamo orgogliosi di essere il primo fornitore di telematica a offrire una soluzione keyless basata sui dati in un mercato in espansione come quello del car sharing,” dichiara Christopher Mendes, VP, Electric Vehicles di Geotab. “Accedere ai veicoli in modalità keyless è fondamentale non solo per i fleet manager, che potranno così ottimizzare i costi e migliorare le strutture operative, ma anche per gli utenti, che si stanno allontanando dal concetto di veicolo di proprietà e che desiderano un’esperienza di guida più semplice e comoda.”

“La soluzione Geotab Keyless è progettata per migliorare il car sharing in ogni settore, inclusi i servizi di in-car delivery del futuro”, aggiunge Mendes. “Si tratta di una soluzione particolarmente vantaggiosa per le flotte di veicoli elettrici (EV) in car sharing, poiché è in grado di gestire in modo affidabile lo stato di carica della batteria (SOC) e la portata restante – una caratteristica che nessun altro competitor possiede.”

Semplice da installare e scalabile, Geotab Keyless supporta veicoli di qualsiasi marchio, modello e anno che dispongano di chiave elettronica, fornendo accesso ai dati telematici più dettagliati del mercato. Grazie a funzionalità specifiche tra cui la contabilità degli investimenti, analisi di idoneità per il car sharing aziendale, l’automazione nella gestione e la gestione remota dei veicoli, gli utenti potranno inoltre avere accesso a maggiori set di dati granulari come il livello di carburante, la pressione degli pneumatici, il chilometraggio e inoltre le notifiche di incidente.

Gli utenti interessati a implementare Geotab Keyless nel proprio programma di gestione delle flotte potranno scegliere di associare la soluzione di telematica Geotab al sistema di prenotazione dei veicoli di un partner di loro scelta per soddisfare al meglio ogni esigenza di business. Gli attuali software partner di Geotab Keyless includono Wunder Mobility, Ridecell, fleetster, Eccocar e Moove Connected Mobility.

In alternativa, è possibile creare il proprio software di prenotazione utilizzando le API di Geotab Keyless. Come funziona: dopo aver integrato la chiave elettronica nell’hardware, gli automobilisti possono aprire l’app di terze parti sullo smartphone, individuare il tasto relativo all’OEM sullo schermo e utilizzare le funzionalità di blocco, sblocco e avvio del veicolo. Oltre che dalle app, la funzionalità keyless può essere abilitata anche dai tag NFC e direttamente sulla connessione cellulare. In futuro, la soluzione si svilupperà fino a includere altre applicazioni e soluzioni di chiavi digitali di terze parti, oltre alle API telematiche degli OEM.

In primo piano

Articoli correlati