Di fronte alle incertezze che il coronavirus ha causato nel mondo sportivo, anche quello dei motori, gli organizzatori sono corsi ai ripari, non solo riorganizzando i calendari e posticipando i vari circus ma, dove possibile, cercando di assecondare una delle spinte più importanti della contemporaneità, quella della digitalizzazione. Come già accaduto per la Formula 1, anche l’Eurotruck Racing anticipa quindi lo spegnimento delle cinque luci rosse dando il via al campionato virtuale, a cui potranno partecipare i piloti già iscritti alla competizione canonica (ETRC, Euro Truck Racing Championship).

eurotruck racing
Un momento della competizione virtuale durante il primo evento all’Hungaroring

Eurotruck Racing, un 2020 complicato

La stagione ha seguito a ruota libera gli sviluppi della pandemia in Europa, venendo quindi stravolta rispetto ai progetti iniziali. D’altronde che la situazione dell’Eurotruck Racing fosse particolarmente confusa, è cosa nota ormai, come abbiamo avuto modo di ribadire di fronte ai continui posticipi che, di fatto, stavano solo rimandando l’inevitabile: prima la cancellazione della data in Ungheria – ora prevista tra il 17 e il 18 ottobre a causa delle misure contenitive del Governo ungherese -, poi quella di Misano, posticipata a novembre. A completare il quadro la cancellazione definitiva dell’evento allo Slovakia Ring (dove si sarebbe svolta la Gara di Slovacchia), originariamente  in programma per questo weekend.

Gli eventi del campionato 2020 sono passati dagli otto previsti inizialmente – un numero già inferiore rispetto a quanto la manifestazione motoristica ci aveva abituato in passato – a sei, ancora in fase di definizione per gli ultimi accorgimenti organizzativi. Nonostante le difficoltà, la lista provvisoria dei partecipanti, composta da diciassette piloti, è la seconda più grande degli ultimi cinque anni e rappresenta un messaggio incoraggiante per tutti i tifosi e per i promotori.

Eurotruck Racing

Un simulatore per tutti i gusti

Per far fronte alle avversità di un’annata complessa arriva la stagione virtuale, composta da 8 eventi di due gare ciascuno. Prenderà il via sul videogioco “Assetto Corsa“, uno dei simulatori di guida più utilizzati dai giocatori di tutto il mondo: anche se i trucks virtuali monteranno la livrea e lo stesso assetto che il team avrà realmente nel 2020, i piloti potranno apportare alcune modifiche individuali in relazione alle loro specifiche postazioni di guida simulative.

Le gare verranno trasmesse in streaming per tutti gli appassionati sui canali ufficiali Facebook, YouTube e Twitch dell’Eurotruck Racing. Il regolamento è basato su quello reale che viene utilizzato nelle competizioni ETRC e vidimato dalla FIA: le gare virtuali, quindi, saranno monitorate e supervisionate da un direttore di gara ufficiale, dal controllo della gara e dai funzionari, tutti in possesso di licenza DMSB.

Le date del campionato digitale

In linea con il calendario originale pre-Covid, la prima gara si è già tenuta nel weekend tra il 22 e il 24 maggio all’Hungaroring in Ungheria e ha visto trionfare Norbert Kiss che, con il suo camion Revesz TRT digitale, ha fatto tabula rasa sia in gara 1 che in gara 2. Ora i fari sono puntati in quel di Misano:  il secondo appuntamento dell’Eurotruck Racing digitale è previsto questo fine settimana, il 7 giugno. Le qualifiche si terranno alle 17.30 e verranno seguite da gara 1 alle 18.00 e da gara 2 alle 19.00.

Per tutti coloro che volessero cimentarsi nella guida (virtuale, s’intende!) dei bestioni a quattro ruote, oltre ad “Assetto Corsa”, forse un po’ troppo simulativo per i novizi, è disponibile il videogioco ufficiale dell’Eurotruck Racing su PlayStation 4, Xbox One, PC e Nintendo Switch: una valida alternativa, decisamente più arcade, all’astinenza da corse.

Round 1 – 24 May 2020, Hungaroring
Round 2 – 07 June 2020, Misano
Round 3 – 21 June 2020, Slovakia Ring
Round 4 – 28 June 2020, Nürburgring
Round 5 – 05 July 2020, Most
Round 6 – 19 July 2020, Zolder
Round 7 – 02 Aug 2020, Le Mans
Round 8 – 16 Aug. 2020, Jarama

In primo piano

Articoli correlati

Volvo FH16: con il nuovo motore D17, è più potente e consuma di meno

I test su strada confermano che il nuovo motore dell’FH16 consente di ottenere un risparmio di carburante del 5% e minori emissioni, aggiungendo al contempo il 7% in più di coppia: una combinazione che aumenta l’efficienza e la produttività per le attività di trasporto più impegnative.

FCA consegna 52 nuovi Volvo FH al Gruppo D’Innocenti

Il Gruppo D’Innocenti ha acquistato da FCA, storica concessionaria Volvo Trucks di Roma, 52 nuovi veicoli da impiegare per le consegne espresse a medio e lungo raggio in Italia e in Europa. Sono tutti trattori FH 4x2, montano un motore D13 da 420 cavalli con tecnologia turbocompound.