La volontà di esprimere, anche attraverso il nome, una netta vocazione internazionale, è all’origine del cambio di denominazione di Deutsche Post DHL in DHL Group. Cambia, contestualmente, anche il ticker di Borsa, che da “DPW”, diventerà “DHL”. A partire dal 1° luglio, dunque, il gruppo mira a “riflettere la trasformazione attraversata negli ultimi anni e sottolineare la focalizzazione sulle attività logistiche nazionali e internazionali come driver per la crescita futura”.

Benvenuta DHL Group

“Negli ultimi dieci anni, i megatrend della globalizzazione, dell’e-commerce, della digitalizzazione e della sostenibilità hanno avuto e continueranno ad avere un forte effetto positivo sulla nostra attività. Ci hanno aperto nuove opportunità di crescita in molte aree. Oggi siamo una delle aziende più internazionali al mondo. Il nome DHL Group e l’uso del logo DHL per il gruppo fa seguito allo sviluppo dell’attività della nostra azienda, che, al di fuori della Germania, utilizza quasi sempre solo il marchio DHL. Allo stesso tempo, all’interno della Germania, il marchio DHL continua ad acquistare importanza”, ha dichiarato Tobias Meyer, Group CEO.

Le divisioni di DHL continueranno a operare con i loro nomi attuali, con un’eccezione: a partire dal 1° luglio 2023, il Gruppo armonizzerà e semplificherà anche il nome della divisione DHL eCommerce Solutions, che in alcuni Paesi opera come “DHL Parcel”. In futuro, questa divisione utilizzerà solo il nome DHL eCommerce.

In primo piano

Articoli correlati

UPS rafforza la rete Access Point: ora sono 5.000 le sedi in Italia

Questo traguardo rientra nel piano di rafforzamento della rete capillare delle sedi UPS Access Point: un totale di oltre 38.000 di punti di raccolta diversi dal domicilio privato in tutta Europa, che contribuiscono a ridurre le emissioni di CO2 nell’ultimo miglio fino al 33% rispetto alle consegne t...