A maggio 2024, il mercato degli autocarri (dati ANFIA) registra una crescita contenuta, mentre i veicoli trainati invertono la tendenza e tornano in flessione. Infine, prosegue nel mese il trend positivo degli autobus, con un rialzo a doppia cifra.

Leggi anche: Dati ANFIA: recupera ad aprile il mercato autocarri (+18,3%) e veicoli trainati (+2%)

Analizzando nel dettaglio il mercato di maggio 2024, nel mese sono stati rilasciati 3.099 libretti di circolazione di nuovi autocarri (+4,4% rispetto a maggio 2023) e 1.312 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (-10,6%), suddivisi in 130 rimorchi (-17,2%) e 1.182 semirimorchi (-9,8%).

Nei primi cinque mesi del 2024 si contano 13.334 libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 7,6% in più rispetto ai primi cinque mesi del 2023, e 5.724 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (-18,3% rispetto a gennaio-maggio 2023), così ripartiti: 576 rimorchi (+3,6%) e 5.148 semirimorchi (-20,2%).

Per gli autocarri, nei primi cinque mesi del 2024, tutte e quattro le aree geografiche del Paese presentano una variazione positiva: +11,4% il Nord-Est, +9,5% l’area Sud e Isole, +4,8% il Nord-Ovest e +2,6% le regioni del Centro.

Per classi di peso, i veicoli sopra le 3,5 e fino a 5 tonnellate registrano nuovamente la crescita più significativa (+138,9%), seguiti dai veicoli sopra le 12,5 e sotto le 16 tonnellate (+22,5%), dai veicoli pesanti da 16 tonnellate in su (+6,8%) e, infine, dai veicoli sopra le 5 e fino a 8 tonnellate (+5,5%). Restano, invece, pressoché stabili i veicoli sopra le 8 e fino a 12,5 tonnellate (-0,4%).

Sempre a gennaio-maggio 2024, gli autocarri rigidi risultano in crescita dell’11,9%, mentre i trattori stradali chiudono a +4,1%. Nello stesso periodo, crescono i veicoli da cantiere (+27,8%) e mantengono una variazione positiva anche i veicoli stradali (+5,6%).

Analizzando il mercato per alimentazione, nei primi cinque mesi del 2024 la quota di mercato dei veicoli alimentati a gas risulta del 2% (era dell’1,7% a gennaio-maggio 2023), per un totale di 262 unità, mentre gli autocarri elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano lo 0,9% del totale (era lo 0,8% a gennaio-maggio 2023).

“Il trend positivo di immatricolazioni riscontrato nel mese di maggio si pone in continuità con la crescita già rilevata nel periodo precedente e restituisce l’impatto positivo che possono avere sul settore adeguate politiche di supporto al rinnovo del parco circolante, ancorché tutt’ora insufficienti a promuovere un effettivo svecchiamento delle flotte dell’autotrasporto sia in virtù delle risorse stanziate, che per la mancanza di programmazione a lungo termine – commenta Luca Sra, Delegato ANFIA per il trasporto merci. – Si ribadisce la necessità più volte rappresentata dalle associazioni della filiera automotive e dell’autotrasporto di superare gli attuali schemi di supporto al rinnovo del parco circolante degli autotrasportatori in favore di una programmazione pluriennale che, in accordo al principio di neutralità tecnologica, riconosca il contributo in termini di risparmi emissivi di tutte le tecnologie veicolari, a partire dal gas naturale (compresso o liquefatto) e del diesel, anche grazie alla loro piena compatibilità con i rispettivi biocarburanti (biometano e HVO)”.

In riferimento ai veicoli trainati, nei primi cinque mesi del 2024 tutte le aree geografiche registrano una flessione: più lieve nell’area del Sud e Isole (-1,2%) e nelle regioni del Centro (-6%), mentre calano a doppia cifra il Nord-Ovest (-32,3%) e il Nord-Est (-27,6%).

Le marche estere totalizzano 3.206 libretti di circolazione a gennaio-maggio 2024 (-25,1%); variazione negativa, più contenuta, anche per le marche nazionali (-7,7%), con 2.518 libretti.

“Questo importante calo delle immatricolazioni ha radici nelle contingenze economiche negative nazionali ed europee e sta purtroppo influendo sulla capacità e la velocità delle imprese nel rinnovare il parco circolante di rimorchi e semirimorchi – afferma Massimo Menci, Presidente della Sezione Rimorchi di ANFIA. – Siamo fiduciosi che possa esserci a breve un cambio di rotta; nel frattempo, stiamo intensificando le interlocuzioni con le istituzioni e le associazioni di autotrasporto per l’adozione di misure specifiche per il settore che possano migliorare significativamente l’efficienza energetica e la sicurezza del trasporto merci”.

In primo piano

RT Rent Srl: nasce un nuovo servizio nel gruppo Realtrailer

Annunciata dall'AD Stefano Savazzi, la nuova società del gruppo è dedicata al noleggio di semirimorchi nuovi e usati. RT Rent, che vedrà la direzione commerciale di Roberto Orlando, già direttore commerciale della stessa Realtrailer, parte con una flotta iniziale di semirimorchi selezionati tra i tr...

[Video] DAF XB: agile e versatile in versione cabinato

L’XB è l’ultima, ma solo in ordine di tempo, declinazione della fortunata New Generation di DAF. Un veicolo pensato soprattutto per applicazioni di corto e medio raggio che si presta a svariate tipologie di allestimento, grazie a uno sforzo ingegneristico notevole per agevolare il lavoro degli alles...

Articoli correlati

Brennero e ponte Lueg, una questione irrisolta

Ancora una volta la decisione è stata presa in modo unilaterale dall’Austria, pur trattandosi di un corridoio europeo della rete TEN-T. Per questo motivo le associazioni dell’autotrasporto hanno inviato una lettera-appello al ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

Incentivi nuova Sabatini, le domande dal 1° ottobre 2024 

Per usufruire degli incentivi previsti dalla nuova Sabatini, sarà possibile inviare la domanda dal 1° ottobre. La nuova Sabatini, regolamentata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), è finalizzata a sostenere i programmi di investimento e i processi di capitalizzazione delle piccol...