C’era anche Telepass tra gli espositori di Transpotec-Logitec 2024. Il gruppo che gestisce sistemi di mobilità integrata – telepedaggio, ma non solo – mette al servizio delle aziende di trasporto gli oltre 30 anni di esperienza, vantaggio evidente in un settore che si fa sempre più affollato e competitivo.

Telepass è, infatti, al centro di un ecosistema di servizi di mobilità per i veicoli pesanti che ad oggi è in grado di interconnettere oltre 188.000 km di strade e autostrade in 17 Paesi in Europa, facilitando i passaggi tra più Paesi attraverso un unico dispositivo interoperabile e contribuendo alla semplificazione degli spostamenti di merci e persone all’interno della rete stradale europea. Solo nell’autotrasporto, secondo Telepass, sono oltre 90mila le aziende che utilizzano i dispositivi Telepass per circa 350mila dispositivi satellitari installati a bordo dei veicoli.

Telepass a Transpotec 2024: prodotti e spinta alla sostenibilità

Inoltre, appena un anno fa Telepass ha lanciato una soluzione per la mobilità dei mezzi pesanti che integra il dispositivo satellitare K1 Telepass SAT a un’app dedicata ai driver che permette di velocizzare l’aggiornamento di assi e peso e semplificare l’accesso alle informazioni del veicolo, grazie anche alla possibilità di visualizzare in app i documenti digitalizzati. In abbinamento, è disponibile il servizio di telematica per la gestione della flotta che, grazie all’integrazione di dati generati dal Telepass SAT e dal cronotachigrafo, permette una pianificazione dei percorsi ottimale che prende in considerazione anche i tempi di guida dei driver, gli aggiornamenti sul traffico e la posizione dei punti d’interesse per ottimizzare tempi, costi e consumi.

Al dispositivo satellitare per il pagamento del pedaggio nei Paesi europei, Telepass ha recentemente aggiunto un’assistenza stradale premium per supportare le flotte e ha introdotto una soluzione per il monitoraggio del dispositivo Telepass da remoto che permette al fleet manager di essere aggiornato in tempo reale sullo stato di funzionamento e sul setting dei parametri di assi e peso del veicolo, fornendo informazioni sul led, eventuali anomalie di funzionamento o d’installazione e relativa reportistica.

Infine, in tema di sostenibilità, uno studio dell’Università Ca’ Foscari Venezia dimostra che la tecnologia Telepass (del tipo on board unit), evitando gli stop and go ai caselli, permette una riduzione delle emissioni nocive prodotte che assume ancora più rilevanza per i mezzi pesanti: nel caso di ossidi di azoto (NOx), che si producono come sottoprodotti durante una combustione, la riduzione è tre volte superiore ai veicoli leggeri.

In primo piano

Articoli correlati

Solera annuncia una partnership strategica con Axalta

Grazie alla collaborazione con Solera, Axalta è il primo produttore di vernici per carrozzeria a fornire i dati per calcolare con precisione le emissioni di CO2 dei prodotti e dei processi utilizzati durante la riparazione, anziché le medie generali del settore.