Sustainable Tour

In linea con le tendenze che vedono le “Autostrade del Mare”, ovvero la modalità combinata camion-nave (Ro.Ro), sempre più protagoniste nella transizione sostenibile – tendenza, tra l’altro, al centro delle politiche del Recovery Plan -, Grimaldi ha annunciato l’ingresso della Eco Livorno nella sua flotta. L’imponente imbarcazione, che andrà a potenziare le tratte intermodali fondamentali anche per l’autotrasporto, è la delle dodici navi ibride della innovativa classe Grimaldi Green 5th Generation (GG5G) annunciata dall’armatore lo scorso anno.

Grimaldi

Grimaldi spinge sull’intermodalità con le nuove GG5G

L’Eco Livorno è stata consegnata oggi dal cantiere cinese Jinling di Nanjing. Grazie al loro design unico, le navi GG5G non sono solo le più grandi unità ro-ro al mondo per il trasporto marittimo di corto raggio, ma anche le più ecofriendly. La Eco Livorno, che batte bandiera italiana, è lunga 238 metri e larga 34 metri, ha una stazza lorda di 67.311 tonnellate ed una velocità di crociera di 20,8 nodi.

La capacità di carico dei suoi sette ponti, di cui due mobili, è doppia rispetto a quella della precedente classe di navi ro-ro impiegate dal Gruppo Grimaldi per il trasporto di merci di corto raggio: la nave può infatti trasportare 7.800 metri lineari di merci rotabili, pari a circa 500 trailer e 180 automobili.

Eco Livorno, arriva il GGG: il Grande Gigante Green

La rampa di accesso a poppa permette di caricare unità con un peso fino a 150 tonnellate. A parità di velocità la Eco Livorno consuma la stessa quantità di carburante rispetto alle navi della precedente generazione ed è dunque in grado di dimezzare le emissioni di CO2 per unità trasportata: ciò è stato reso possibile attraverso l’adozione di numerose soluzioni tecnologiche altamente innovative che ottimizzano i consumi e le prestazioni della nave.

Quando è ferma in porto, la Eco Livorno è addirittura capace di azzerare le sue emissioni utilizzando l’energia elettrica immagazzinata da mega batterie al litio con una potenza totale di 5 MWh che si ricaricano durante la navigazione grazie agli shaft generator e a 350 m2 di pannelli solari. In più, la nave è dotata di motori di ultima generazione controllati elettronicamente e di un impianto di depurazione dei gas di scarico per l’abbattimento delle emissioni di zolfo e particolato.

Grimaldi, nel solco della rivoluzione sostenibile

“Siamo nel vivo di una rivoluzione green che il nostro Gruppo ha fortemente voluto e sulla quale investe da anni, e procediamo spediti in questa direzione”, ha affermato Emanuele Grimaldi, Amministratore Delegato della compagnia partenopea. “Con la consegna della Eco Livorno la nostra flotta si arricchisce di una nuova preziosa unità, che impiegheremo nelle prossime settimane al servizio dei nostri clienti per continuare a soddisfare le loro aspettative in termini di qualità ed eco sostenibilità”.

Al suo arrivo in Italia, previsto per la fine di febbraio, la Eco Livorno affiancherà le sue gemelle Eco Valencia ed Eco Barcelona sul servizio regolare ro-ro che collega i porti di Livorno, Savona, Barcellona e Valencia.

In primo piano

Articoli correlati